Indietro
martedì 24 novembre 2020
menu
42 piloti iscritti

Il Porsche Club GT elegge i campioni al Mugello: in pole tanti piloti romagnoli

In foto: PCGT Il reggiano Enzo Formato vincitore PaddockGT Vallelunga2020
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
gio 29 ott 2020 15:30 ~ ultimo agg. 15:31
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Tutto pronto nel Porsche Club GT per il gran finale stagionale di sabato (31 ottobre) al Mugello Circuit. Per la supersfida conclusiva che deciderà i titoli delle categorie in gara, si riaccendono i motori delle 911 da pista e stradali, che tornano in azione su uno degli autodromi più rinomati e ad alto tasso adrenalinico. L’obiettivo primario nel monomarca tricolore di time attack promosso dal Porsche Club Umbria sotto l’egida di ACI Sport resta la ricerca del giro più veloce in ogni turno di gara. La tappa del Mugello, che conclude la prima stagione della serie, annuncia emozionanti duelli di vertice sul filo dei centesimi nel momento cruciale del campionato, alla luce di quanto i protagonisti hanno già mostrato nei precedenti appuntamenti a Misano, Monza, Imola e Vallelunga. Sui saliscendi del circuito toscano sono attesi 42 piloti iscritti all’ultimo atto del 2020, provenienti da tutta Italia e con alcune new-entry di rilievo, tra le quali l’esordio della driver catanese Livia Magnàno, prima donna a vestire i panni di pilota nel Porsche Club GT. Sempre nel rispetto delle misure di sicurezza (porte chiuse comprese), l’evento sarà trasmesso in diretta streaming sui canali web ufficiali del Time Attack Italia.

La Goodyear GT3 RS si conferma la categoria con il maggior numero di iscritti (14) anche al Mugello e soprattutto è la più incerta per quanto riguarda la lotta per il titolo. A giocarselo al volante delle Porsche 911 GT3 RS modello 991 saranno in tre: il capoclassifica cuneese Danilo Paoletti, vincitore a Imola, il presidente del Porsche Club Umbria Diego Locanto, vincitore a Misano e Monza, e il catanese Angelo Tomarchio, finora sempre a podio in ogni evento disputato. Autentiche “mine vaganti” in grado di inserirsi tra gli sfidanti per il titolo, al Mugello daranno battaglia ai vertici anche i due driver lombardi Vincenzo Panuccio e Stefano Pezzucchi, pilota e team manager della Krypton Motorsport già vincitore all’esordio nella serie nello scorso round di Vallelunga.

Il team bresciano è protagonista anche nella D-Factory Cup, la categoria “racing” del Porsche Club GT. Al volante delle 911 GT3 Cup al Mugello è duello tra i compagni di squadra Ivan Costacurta, pilota milanese che guida la classifica, e il rientrante Luca Pastorelli, gentleman driver modenese già ottimo portacolori nella Carrera Cup Italia. Tra gli altri, in azione saranno l’esperto pistard lucchese Riccardo Debellis, l’altoatesino Armin Hafner, reduce dall’esordio di Vallelunga e gli alfieri del Team Piloti Forlivesi Andrea Sapino, Nicola Sarcinelli e il bolognese Massimiliano Brini. Novità sono il debutto nella classe del driver brianzolo Gianluca Giorgi e quello nella serie del toscano Gianpaolo Lastrucci.

Nella Panta GT3 Andrea Giorgi ha di fatto allungato le mani sul titolo a Vallelunga, ma nella classe riservata alle 911 GT3 l’equilibrio e i colpi di scena non sono mai mancati. Per il successo di tappa il driver milanese, vincitore in casa a Monza e Imola, dovrà di nuovo vedersela con il pratese Davide Zumpano, a podio in tutti gli appuntamenti fin qui disputati, con il ravennate Marco Pellegrino, vincitore a Misano e Vallelunga. Tornano in azione anche Flavio Lucini e Marco Parolini, mentre tra le new-entry si segnala il pratese Alessio Gaggioli.

In Paddock GT (riservata alle GT2, GT3 e GT3 RS meno recenti e alle GT4) la finalissima è tra il capoclassifica ravennate Carlo Manetti e il pilota brianzolo Andrea Albergo, mentre al ruolo di outsider si candidano il gentleman driver padovano Pierantonio Macola, il direttore del Centro Porsche Latina Marco Santanocita e il pilota reggiano Enzo Formato, vincitore dell’ultimo round a Vallelunga. Oltre al rientro di Luigi Podestà e alla già citata Livia Magnàno, la categoria aggiunge gli esordi di Emanuele Rubino, Emiliano Pierantoni e dell’equipaggio formato dai ravennati Alberto Migliardi e Giorgio Errani, quest’ultimo papà della tennista ravennate Sara Errani.

Il format prevede quattro turni da 25 minuti (uno di prove libere, gli altri di gara). La classifica di ogni categoria scaturirà dalla somma dei due migliori tempi ottenuti nelle 3 gare e un ulteriore punteggio premia il giro più veloce assoluto. Al Mugello il programma prevede sabato il turno di libere alle 11.00 seguito in sequenza da gara 1 alle 13.20, gara 2 alle 14.40 e gara 3 alle 16.00.

LE CLASSIFICHE
Goodyear GT3 RS: 1. Paoletti 35; 2. Locanto 31; 3. Tomarchio 24 4. Panuccio 16; 5. Pezzucchi 10.
D-Factory Cup:1. Costacurta 42; 2. Pastorelli 30; 3. Grilli 12; 4. Sarcinelli 8; 5. Mazzolini, Peroni e Sapino 7.
Panta GT3: 1. Giorgi 42; 2. Zumpano 29; 3. Pellegrino 26; 4. Parolini 15; 5. Lucini 7.
Paddock GT: 1. Manetti (Porsche 911 GT3, 991 gen.I) 37; 2. Albergo (Porsche 911 GT2, 997) 32; 3. Santanocita (Porsche 911 GT3, 991 gen.I) 16; 4. Macola (Porsche 911 Turbo, 930) 14; 5. Di Leo (Porsche 911 GT3 RS, 997) 12.

Notizie correlate
Un paese giovane

Ritorno dal Senegal

di Andrea Turchini   
di Roberto Bonfantini