Indietro
mercoledì 28 ottobre 2020
menu
Rally

Un'uscita di strada ferma Ceccoli-Capolongo al Rally Adriatico-Marche

In foto: Ceccoli-Capolongo (foto Massimo Bettiol)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 28 set 2020 17:11
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un settimo e un ottavo tempo nelle prime due prove speciali del Rally Adriatico per Daniele Ceccoli e Piercarlo Capolongo, che iniziavano a prendere confidenza con il veloce percorso marchigiano. Poi un pesante acquazzone a metà mattinata cambiava repentinamente le condizioni del fondo e della visibilità. Dopo il parco assistenza si ritorna sulla prova di Castel Sant’Angelo, in un tratto molto veloce l’anteriore della Hyundai tocca leggermente l’interno curva. La vettura ha uno scarto improvviso e parte verso l’esterno della strada stretta capottando più volte. Il roll-bar della i20 R5 regge bene l’impatto nonostante i vistosi danni alla carrozzeria, ma a subire l’uscita di strada è anche Piercarlo Capolongo. Subito soccorso dai medici presenti sul percorso gli stessi riscontrano un colpo alla spalla, schiacciata probabilmente dalle cinture e dal collare Hans che trattengono il corpo solidale al sedile. Successivamente ricoverato all’ospedale di Ancona al copilota piemontese viene riscontrata una frattura scomposta alla clavicola sinistra che richiederà un’operazione e alcune settimane di riposo. Per Ceccoli invece solo qualche leggera contusione.

“Mi spiace molto per il team e specialmente per l’amico Piercarlo che dovrà fermarsi qualche giorno dopo la nostra uscita di strada. È successo tutto in un istante. Stavamo affrontando un tratto molto veloce e ho anticipato leggermente una curva toccando l’anteriore contro qualcosa a interno curva. La strada era stretta e non ho avuto il tempo di fare nessuna correzione. In una frazione di secondo abbiamo iniziato a capottare – ricorda Daniele Ceccoli -. Stavo cercando di recuperare qualche posizione e sono partito deciso ma senza voler prendere dei rischi inutili. Erano anni che non mi capitava un’uscita del genere ma sono cose che possono succedere quando si corre, specialmente con le condizioni meteo difficili e la pioggia che aveva reso insidioso il fondo. Adesso avremo qualche settimana di tempo per analizzare bene quello che è successo e pensare ai prossimi impegni. Indubbiamente con questo zero in classifica, in un campionato corto come quest’anno, la rincorsa al titolo è compromessa ma non la voglia di ritornare in auto per dimenticare questa giornata negativa”.

I tecnici di Hyundai Rally Team Italia sono subito rientrati a Verona e sono già al lavoro per ripristinare la vettura e preparare gli imminenti programmi che prevedono impegni importanti nei primi giorni del mese di ottobre. In ordine di tempo il prossimo Rally di Sanremo (02-03 ottobre) valevole per il Campionato Italiano Rally, e il Rally Italia Sardegna (09-11 ottobre), sesto appuntamento del Campionato del Mondo prima della chiusura del Campionato Italiano Rally Terra.

CAMPIONATO ITALIANO RALLY TERRA 2020
• 08-09 agosto – Rally Città di Arezzo Crete Senesi e Valtiberina (Ar)
• 29-30 agosto – San Marino Rally (RSM)
• 26-27 settembre – Rally Adriatico e Rally Balcone delle Marche (Mc)
• 20-22 novembre – Tuscan Rewind

Notizie correlate
di Redazione   
Campionato Sammarinese

Cosmos-Virtus 1-2

di Icaro Sport   
FOTO