Indietro
menu
Un supporto per pianificazione

Antenne in Consiglio. Via Argelli, iter ancora non concluso. Erbetta: trovare alternativa

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 27 giu 2020 09:49 ~ ultimo agg. 15:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Insieme a Nicola Marcello (vedi notizia), nella seduta del Consiglio Comunale di giovedì scorso anche Mario Erbetta di Rinascita Civica ha interrogato sul tema antenne di telefonia, in riferimento ai casi di Ina Casa e via Baroni. Sull’antenna di via Argelli ha puntato l’attenzione sui più piccoli chiedendo “che tale installazione non avvenga in quanto eccessivamente vicina a centri densamente abitati ma soprattutto a due scuole dell’infanzia, “La Rondine” e “Il Glicine”, che distano circa 90 metri circa”.

“I bambini sono potenzialmente più vulnerabili rispetto agli adulti ai campi elettromagnetici. Un po’ perché il loro sistema nervoso è in fase di sviluppo, un po’ perché fisicamente la circonferenza del cranio è più piccola e quindi penetrabile in profondità rispetto a quella di un adulto. La presente richiesta è sostenuta e sottoscritta dalla petizione cartacea (inviata all’ufficio rapporti con il pubblico) che ad oggi ha raggiunto 561 sottoscrizioni e tutt’ora sta proseguendo tra i cittadini e le cittadine”.
Erbetta ha chiesto di “instaurare una concertazione costruttiva che favorisca l’individuazione di una soluzione alternativa a quella prospettata, condivisa con la comunità locale dell’Ina casa e rispettosa delle altre comunità del territorio”.

Poi Erbetta ha rinnovato la richiesta di sapere “quante antenne abbiamo ad oggi sul nostro territorio comunale, installate o di pronta installazione? Come mai i cittadini dell’Ina- Casa non sono neppure stati ascoltati dall’amministrazione comunale nonostante la richiesta di un incontro formale?
Ma la cosa più importante e come sia possibile installare un’antenna di 30 m a 80 m di distanza da due scuole d’infanzia e a poco più da un centro sportivo?”.

L’assessore Anna Montini nella risposta ha ricordato che “l’iter per l’installazione di via Argelli  non si è ancora concluso” e un incontro coi cittadini è possibile. Su via Baroni, ha spiegato che “i colloqui con Iliad sono ancora in corso” mentre sulla risposta che il Comitato attende ai rilievi presentati lo scorso maggio: “stiamo istruendo la risposta alla richiesta di sospensiva presentata dall’avvocato Morri”.

L’Amministrazione intanto, ha spiegato l’assessore, pensa di affidarsi per il futuro a un soggetto esterno che possa supportare gli uffici. “Si sta valutando se dare un incarico a un soggetto che possa fornire un servizio di panificazione della localizzazione di nuovi impianti”.

Altre notizie
di Simona Mulazzani
di Simona Mulazzani
Interventi del doc Garulli e della sua equipe

La chirurgia riminese eccellenza internazionale

di Redazione
Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
VIDEO
Un paese giovane

Ritorno dal Senegal

di Andrea Turchini