Indietro
mercoledì 21 ottobre 2020
menu
Il Calcio dopo il Covid-19

Gambuti (Bellaria Igea Marina 1956): "dobbiamo aiutare i nostri giovani a non aver paura"

In foto: Pierdomenico Gambuti
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
mar 28 apr 2020 08:35 ~ ultimo agg. 29 apr 12:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ricevuto, pubblichiamo le riflessioni di Pierdomenico Gambuti dell’APD Bellaria Igea Marina 1956 su come far ripartire il calcio giovanile dopo l’emergenza sanitaria da Covid-19.

“Questa situazione correlata all’emergenza sanitaria, ci ha costretti a fermarci e di conseguenza rivedere, ripensare tutto il nostro promuovere lo sport. Prima di scrivere qualcosa in merito a come si può pensare di riprendere l’attività sportiva, desidero fare due piccole premesse.

La prima premessa riporta alcune frasi che il Santo Padre Francesco ha pronunciato in Piazza San Pietro il 7 giugno 2014, nel discorso ai partecipanti all’incontro promosso dal Centro Sportivo Italiano: “Lo sport è una straordinaria occasione educativa (…) È importante, cari ragazzi, che lo sport rimanga un gioco! Solo se rimane un gioco fa bene al corpo e allo spirito (…) Cari ragazzi, mettetevi in gioco nella ricerca del bene, senza paura, con coraggio ed entusiasmo. Mettetevi in gioco con gli altri e con Dio: non accontentatevi di un “pareggio” mediocre, date il meglio di voi stessi, spendendo la vita per ciò che davvero vale e che dura per sempre. Non accontentatevi di vite tiepide, vite “mediocremente pareggiate”: no, no! Andate avanti, cercando la vittoria sempre!”

La seconda premessa è riferita ad un sondaggio effettuato a Sondrio e pubblicato in un servizio dedicato allo sport nel quale si evince che alla domanda “cosa ti manca di più in questo periodo di quarantena?” La risposta scaturita è che dopo gli affetti, “mi mancano gli affetti” (sfera famigliare, fidanzati, amici, ecc.), viene subito lo sport, “mi manca lo sport”.

Mi sembrano risposte abbastanza significative. Ciò fa pensare che effettivamente l’attività sportiva sta proprio sul “crinale”, da una parte l’emozione/affetti e dall’altra parte l’attività sportiva ha un suo ritorno come benessere fisico, nell’essere in pace con se stesso e gli altri. Lo sport ci dà un senso di libertà, senso di prova e di relazione con gli altri, che, purtroppo in questo tempo, per forza di causa maggiore, ci è stato negato.

Come gestire la ripresa dell’attività sportiva giovanile? Il futuro è molto incerto per la novità che ci aspetterà. La ripartenza non sarà cominciare come prima, ma sarà “tutto nuovo”. Non ci saranno le macerie “fisiche”, come dopo la seconda guerra mondiale, ma ci saranno le macerie del cuore e lo sport dovrà curare queste ultime macerie.

Lo sport è un’esperienza comunitaria, quindi abbiamo bisogno di trovare le relazioni, dobbiamo trovare la forza dello sport di far “nascere un fiore dalla terra arida”, come dice spesso il mio caro amico don Alessio Albertini.

Abbiamo il dovere di essere ottimisti più che altro per i nostri giovani, i nostri ragazzi, i nostri bambini. Le nuove generazioni hanno bisogno di una grande dose di fiducia, di autostima. Hanno ed abbiamo bisogno di godere delle “piccole cose”: l’aria che ti sbatte in faccia quando corri, il profumo degli spazi, dell’erba, ecc. Hanno ed abbiamo bisogno dell’abbraccio dopo un gol, della stretta di mano con l’avversario, che a me piace definire compagno di gioco, per scoprire la bellezza dell’avversario, la presenza dell’altro senza il quale non saprei mai il mio valore.

Per ripartire è necessario a questo punto unire le forze, aiutarsi sia sotto l’aspetto psicologico che sportivo, legati ai veri valori della vita, facendo una comunità virtuosa per essere in grado di produrre strumenti ispirati alla ricerca di nuove sintesi ed elaborare proposte capaci di interessare le nostre istanze formative.

Si può pensare in un primo momento di iniziare, in sicurezza, l’attività sportiva libera “fra amici”, nei parchi, ecc., anche perché lo sport non è nato per la competizione; per passare poi, in un secondo momento, allo sport organizzato, agonistico, competitivo, il tutto con la massima cautela e nel pieno rispetto delle regole.

Io penso che tutti noi dobbiamo essere testimoni credibili di uno sport capace di far crescere e comunicare valori, dobbiamo essere capaci di far vivere l’esperienza ai nostri giovani come una grande opportunità di crescita per loro stessi e per diventare veri campioni nella vita.

Con cautela e con forza di responsabilità e rispetto, come società dobbiamo aiutare i nostri giovani a non aver paura, dobbiamo aiutare i nostri giovani a “prendere in mano la propria vita e farne un capolavoro”, così come ha detto il Santo Padre Francesco e così come si intitolava il tema di un nostro “vecchio” convegno “SPORTconGIOIA”.

Piero Gambuti”