mercoledì 26 febbraio 2020
menu
Volley C Femminile

Una Gut in versione "fenice" soffre, crolla e risorge: vittoria a Cervia

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
lun 27 gen 2020 09:20
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Print Friendly, PDF & Email

Si chiude nel migliore dei modi il girone di andata per la Gut Chemical Bellaria; nonostante una prestazione altalenante le bellariesi di coach Nanni espugnano il Palasport di Cervia al tie-break ottenendo quei due punti che significano primo posto solitario nel proprio girone al giro di boa del campionato di serie C. Una gara ricca di emozioni quella andata in scena ieri sera tra due squadre che si sono affrontate a viso aperto per inseguire i rispettivi obiettivi.

Nanni opta per la partenza in P5 con Fortunati incrociata a Tosi Brandi, Albertini e Zammarchi al centro con Bucella e Diaz di banda e Loffredo libero; parte decisamente meglio la Gut che cerca subito di prendere le distanze da Cervia sfruttando il positivo turno al servizio di Albertini ma anche le molte imprecisioni avversarie tra le cui fila emerge la sola Agostini. Le imprecisioni in ricezione e in attacco delle bellariesi consentono tuttavia a Cervia di restare attaccata al set: dapprima recupera lo svantaggio ottenendo i vantaggi e poi strappa il punto decisivo approfittando ancora di una Gut molto incostante offensivamente: 26-24 il finale.

Si invertono i ruoli nella seconda frazione con il sestetto bellariese confermato nonostante il finale di primo set in calo; come detto sono le padrone di casa a cercare il primo sprint costringendo Nanni a una precoce richiesta di time-out. L’equilibrio viene ristabilito grazie al positivo ingresso in campo di Morri che sostituisce un’opaca Tosi Brandi; la Gut ritrova coraggio e bel gioco prendendo in mano la gara; i cambi di coach Briganti non portano gli effetti sperato tra le ravennati e questa volta il finale di set è tutto a colori biancoblu: Diaz e Morri ben imbeccate da una Fortunati in crescita trovano i colpi giusti per il 21-25 finale.

Troppo brutti il terzo e il quarto set per essere raccontati; nella terza ripresa si assiste ad un assoluto monologo cervese: in modo particolare è la P1 delle locali a scavare quel solco enorme tra le due squadre che caratterizzerà tutta il set. Nanni attinge alla sua panchina inserendo Tosi Brandi, Armellini, Morettini e Serafini ma è tutto il motore bellariese a essere ingolfato e Cervia chiude agevolmente sul 25-10. Ma lo sport sa essere imprevedibile e, come sulle montagne russe, l’inerzia della gara si sposta completamente verso la metà campo della Gut: la Tosi Brandi torna a giocare ai suoi livelli ed insieme a Diaz scarica bombe a mano verso le padrone di casa; Morettini inizia a prendere confidenza tanto in attacco che, soprattutto, in ricezione ed inoltre si alzano
vistosamente le percentuali a muro della squadra di Nanni: 16-25.

Si arriva così al tie-break, giusta conclusione per una gara che ha vissuto di troppi alti e bassi da entrambe le parti. Partenza a razzo di Cervia con Nanni che chiama il time-out sul 3-0; sosta utile alle bellariesi che ritornano in pista rimettendo in piedi la gara sfruttando al meglio il momento positivo delle sue attaccanti. L’equilibrio regna sovrano sino al 9-10 quando inizia il mini break bellariese grazie a Diaz, Zammarchi e Tosi Brandi e sfruttando il calo della ricezione di Cervia. Le ravennati non demordono e annullano due match point alle ospiti sempre trascinate da un’ottima capitan Agostini; match-point che non tarda però ad arrivare grazie al colpo decisivo di Morettini: 13-15 e gara chiusa.

“Inutile negarlo: la prestazione mi è piaciuta a tratti perché abbiamo alternato momenti di ottima pallavolo ad altri dove non ho visto la mia squadra; purtroppo non siamo arrivati a giocare questa gara nelle nostre migliori condizioni: abbiamo avuto qualche ragazza con alcuni guai fisici e c’è stata qualche tensione di troppo che ieri ha palesemente condizionato la nostra prestazione, senza dimenticare il peso specifico della partita per noi, per le tante ex in squadra e anche per le avversarie che inseguono il treno playoff. Benché sia dispiaciuto per il clima che si è creato nel pregara, sono conscio del fatto che queste cose è normale che succedano anche negli spogliatoi
delle grandi squadre come penso sia la nostra al di là dei risultati; perché nelle oltre 2 ore e 40 di gara ho comunque visto le mie tredici ragazze andare tutte nella stessa direzione, tanto nel baratro del terzo set quanto nei momenti migliori, e questa per un coach e il suo staff è la cosa più importante. Arrivare al giro di boa con 7 vittorie di fila e in vetta ci da grossa fiducia; non faccio proclami, solo noi sappiamo che obiettivo ci siamo posti, ma non voglio nemmeno nascondermi e garantisco che a questo punto ci proveremo fino alla fine a guardare tutti dall’alto; ma garantisco anche che comunque vada quello che abbiamo costruito in questa annata è straordinario. Uno staff completamente nuovo che da Luglio collabora per il meglio delle sue ragazze, un gruppo con molte ragazze nuove e/o con poche esperienze in categoria, uno spogliatoio unito che si sta ritrovando anche fuori dal campo, una forte identità che ci invidiano… ripeto, comunque vada sarà un annata straordinaria e speriamo di chiuderla al meglio”.

TABELLINO E STARTING SIX BELLARIA: Zammarchi 7, Tosi Brandi 9, Bucella 1, Albertini 12, Fortunati 6, Diaz 17, Loffredo (L1) Armellini, Morettini 4, Morri 7, Serafini (L2), NE Astolfi, D’Aloisio.

Notizie correlate
di Icaro Sport   
di Icaro Sport   
FOTO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna