Indietro
menu
Il concorso senza esito

Si è spento l'architetto Natalini, mancata "firma" del Galli

In foto: Adolfo Natalini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 23 gen 2020 18:19 ~ ultimo agg. 19:31
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si è spento a 78 anni l’architetto Adolfo Natalini, figura di primo piano dell’architettura italiana. originario di Pistoia, fu protagonista della cosidetta architettura radicale. A Rimini è legato per il Teatro Galli. Fu infatti vincitore del concorso indetto nel 1985 per la ristrutturazione del teatro, con un progetto realizzato da un gruppo di sei architetti da lui coordinato. Il progetto, che ebbe il via libera anche dall’amministrazione Chicchi alla fine degli anni ’90, trovò da una parte l’opposizione di alcuni gruppi e associazioni cittadine e dall’altra si scontrò coi i vincoli posti dalla Soprintendenza Archeologica e dalla Soprintendenza per i Beni Ambientali e Architettonici.

La successiva amministrazione Ravaioli (con conseguente liquidazione del gruppo di Natalini, che comunque lavorò per l’avancorpo del teatro) optò per il progetto “com’era e dov’era” di Cervellati dal quale si è poi arrivati, con diverse revisioni negli anni, al teatro inaugurato alla fine del 2018.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
di Redazione   
di Redazione