mercoledì 26 febbraio 2020
menu
Calcio D girone F

Cattolica S.M.-Matelica, la vigilia del tecnico Emmanuel Cascione

In foto: Emmanuel Cascione da indicazioni ai suoi
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
sab 4 gen 2020 10:22 ~ ultimo agg. 5 gen 14:57
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Print Friendly, PDF & Email

Anno nuovo vita nuova si spera in casa Cattolica S.M. I giallorossi hanno chiuso il 2019 ed il girone d’andata in ultima posizione a pari punti con la Jesina (12), ma in crescendo a livello di prestazioni e di risultati: due vittorie nelle ultime tre giornate e un solo K.O. nelle ultime cinque. La prima di ritorno propone a Merlonghi e compagni un incontro sulla carta quasi proibitivo con la seconda della classe, il Matelica, che in classifica quasi triplica i romagnoli dall’alto dei suoi 34 punti.

Con il tecnico dei giallorossi, Emmanuel Cascione, partiamo dalla sosta natalizia. Un peccato esservi fermati, viste le ultime prestazioni?
“Personalmente credo di sì, però il nostro avversario viene da cinque vittorie consecutive. Domenica vedremo a chi delle due squadre ha fatto più male la sosta”.

Secondo il condottiero del Cattolica S.M. il Matelica è più forte anche del Notaresco, che sta dominando il campionato con 43 punti conquistati in 17 partite.
“Sulla carta il Matelica è la squadra più forte, quella strutturata meglio, con qualità. Il campo sta dando ragione al Notaresco perché ha grande continuità, ma il Matelica dopo il cambio di allenatore ha cambiato marcia e sta dimostrando di essere costruita per essere ai vertici della classifica. È una squadra veramente completa in tutti i reparti, anche con giovani di qualità. Il fulcro della finalizzazione è sempre Leonetti, che in categoria ha sempre fatto tanti gol (è già a quota nove in campionato e andò in gol anche all’andata, ndr). Ma non è tanto il giocatore singolo quanto l’organizzazione: il loro allenatore (Colavitto, ndr) è molto bravo, la squadra gioca bene, è compatta e sa quello che deve fare. Sarà una partita molto più difficile rispetto alla gara d’andata (nella quale i marchigiani s’imposero comunque 3-1, ndr) perché adesso hanno un altro tipo di fisionomia”.

Come stanno i giallorossi?
“Noi veniamo da un ottimo periodo: nelle ultime sei domeniche ho visto la squadra in grande crescita. Anche in occasione dei pareggi che abbiamo fatto secondo me è andata bene ai nostri avversari: le squadre che abbiamo affrontato in casa le abbiamo messe sotto, stiamo prendendo sempre più equilibrio e consapevolezza nei nostri mezzi. Anche in allenamento vedo cose diverse rispetto all’inizio della stagione: avevamo problemi a livello difensivo, commettevamo sempre qualche disattenzione di troppo, adesso le cose stanno cambiando. E questo fa sì che i punti inizino ad arrivare. Peccato perché un po’ di episodi ci sono girati contro: sarebbe bastata una vittoria per farci entrare nel gruppetto delle squadre che ambiscono alla salvezza diretta”.

Il mercato del Cattolica S.M. è stato movimentato e potrebbe non essere ancora finito.
“Gli acquisti sono stati fatti per cercare di migliorare e non di riempire la rosa per compensare la partenza di sette giocatori. Come squadra ci siamo rimboccati le maniche: sia Gasperoni che Notariale hanno fatto benissimo. Ferraro e Ferrario (quest’ultimo non ancora disponibile per la gara con il Matelica, ndr) portano alla nostra difesa esperienza. Ferraro ha già fatto vedere di avere quella personalità che a noi mancava. Bajic sarà prezioso anche a livello strutturale perché ci dà centimetri e potenza. Okoli negli ultimi due-tre mesi si è allenato con la prima squadra del Vicenza, che è in testa al girone B di serie C, dopo aver passato cinque anni nel settore giovanile vicentino: è un ragazzo dalle grandi qualità fisiche ma che si fa valere anche a livello tecnico, gioca molto sulla profondità, anche se ovviamente essendo appena arrivato deve capire i nostri meccanismi. Con lui adesso davanti abbiamo un po’ tutte le qualità: l’altezza, la velocità e la realizzazione”.

Okoli potrà esordire con il Matelica, così come sarà a disposizione il portiere italo-brasiliano Piai. Per entrambi è arrivato infatti l’ok per il trasferimento. L’estremo difensore di scuola Napoli non partirà titolare.
“Piai è dovuto rientrare in Brasile ed è stato fermo venti giorni. È tornato in Italia il 2 gennaio. Ha ottime qualità, adesso abbiamo due portieri affidabili”.

Ai due lungodegenti si aggiunge, tra gli indisponibili contro il Matelica, lo squalificato Guarino.
“Guarino è stato squalificato dopo il rosso dell’ultima partita. Nsingi è in fase di recupero e tra due settimane tornerà ad allenarsi con il gruppo, Maggioli invece ne avrà ancora per un po’”.

IL QUADRO COMPLETO DELLA 18a GIORNATA DEL CAMPIONATO DI SERIE D GIRONE F E LA CLASSIFICA

Notizie correlate
di Icaro Sport   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna