Indietro
venerdì 10 aprile 2020
menu
Calcio C girone B

Padova-Imolese 2-0. Si ferma a sette la striscia positiva dei rossoblu

In foto: I giocatori dell'Imolese
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
dom 8 dic 2019 22:32
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Padova-Imolese 2-0

IL TABELLINO
PADOVA (4-3-1-2): Minelli; Pelagatti, Kresic, Andjelkovic, Baraye; Germano (27’ st Fazzi), Ronaldo, Buglio (1’ st Mandorlini); Piovanello (38’ st Castilla), Bunino (13’ st Pesenti), Soleri (13’ st Santini). A disp.: Galli, Serena, Mokulu, Gabionetta, Daffara, Rondanini, Sylla. All.: Salvatore Sullo.

IMOLESE (3-4-1-2): Rossi; Boccardi, Carini, Ingrosso; Schiavi, Tentoni (41’ st Marcucci), Alimi, Valeau (41’ st Padovan); Belcastro (31’ st Maniero); Ngissah (23’ Provenzano), Vuthaj. A disp.: Libertazzi, Seri, Alboni, Suliani, Latte Lath, Sall, Artioli, Della Giovanna. All. Gianluca Atzori.

Arbitro: Garofalo di Torre del Greco.
Assistenti: Teodori e Del Santo Spataru.

Marcatori: 36’ st Ronaldo, 47’ st Mandorlini.

Ammoniti: Tentoni (I), Santini (P), Mandorlini (P), Alimi (I), Boccardi (I).

NOTE: spettatori 6187, di cui 3709 abbonati e 2479 paganti, per un incasso complessivo di 3.122,20 euro. Angoli: 8 a 6 per il Padova. Recupero: 1’ pt, 4’ st.

CRONACA E COMMENTO
La migliore Imolese della stagione perde all’Euganeo di Padova e interrompe così la striscia di 7 risultati utili consecutivi. Ronaldo e Mandorlini condannano i rossoblù ad una sconfitta amara e immeritata perché i ragazzi di Atzori, ai punti, avrebbero meritato almeno il pareggio. Ora, dopo aver affrontato una delle migliori difese della Serie C – appena 10 gol subiti – l’Imolese rientra al Romeo Galli in attesa della sfida di domenica alle 17:30 contro la capolista Vicenza impegnata, nel turno in corso, contro la Feralpisalò.

REPORT
Neanche il tempo di mettere il pallone al centro del campo che l’Imolese deve fare i conti con il forfait di Latte Lath. Al posto del numero 7 Atzori sceglie la fisicità di Ngissah per scardinare la difesa del Padova. La mossa sembra anche essere azzeccata visto l’ottimo inizio degli ospiti, ma come spesso accaduto in stagione, l’Imolese non concretizza quanto di buono creato in una prima frazione priva di reti. All’interno di questa partenza a tinte rossoblù c’è però anche la fiammata del Padova che al 6’ colpisce il palo esterno con Bunino dopo il filtrante di Piovanello. È un’ulteriore sveglia per l’Imolese che al 9’ troverebbe la via del gol con Schiavi ma secondo il guardalinee il numero 30 rossoblù è in posizione di off-side. Si rimane sullo 0-0. I ragazzi di Atzori continuano a spingere e sfiorano il vantaggio più volte con Belcastro e Vuthaj. L’ultima vera occasione dell’Imolese arriva al 34’: Minelli respinge male una punizione battuta dal numero 10 rossoblù, ma il primo ad avventarsi sul pallone vagante è Carini in fuorigioco al momento del tiro di Belcastro.

Nella ripresa cresce il dominio territoriale dei biancoscudati, ma l’Imolese non si limita alla sola fase difensiva. Botta e risposta, nel giro di un solo minuto, a cavallo del quarto d’ora: prima Schiavi impegna Minelli poi, in contropiede, Piovanello non riesce a trovare la porta di Rossi. Prima del vantaggio biancorosso, arrivano gli ultimi due brividi per la porta dei padroni di casa ma, ancora una volta, Provenzano prima e Alimi non sono precisi. Al minuto 81 arriva la doccia fredda: azione personale di Pelagatti sulla destra che crossa in area e trova l’inserimento di Ronaldo che di testa batte Rossi e porta in vantaggio i biancoscudati. Mister Atzori cerca l’immediata reazione ma l’ingresso di Padovan e Marcucci risulta ininfluente. Addirittura, poco prima del triplice fischio, arriva il raddoppio del Padova con un tiro dai 20 metri del subentrato Mandorlini.

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI
Mister Atzori: “Oggi abbiamo fatto bene, un’ottima partita. Nelle ultime quattro gare – Sambenedettese, Piacenza, Triestina e Padova – abbiamo affrontato squadre importanti giocando sempre. Oggi è stata la partita più bella in assoluto delle quattro ma comunque mai abbiamo fatto le barricate. Per la prestazione che abbiamo fatto, almeno un punto sarebbe stato meritato. Ma il calcio è fatto anche di queste cose qua. Serviva tenere botta ancora 10 minuti ma ci siamo rilassati e loro sono stati bravi ad approfittarne. Oggi ai ragazzi posso solamente dire ‘bravi’ perché hanno avuto la personalità e il coraggio di venire a giocare a Padova come abbiamo fatto noi. Potevamo rinchiuderci ma non è nel mio DNA. Abbiamo speso tantissime energie fisiche e mentali in queste partite e il gol ci ha tagliato le gambe”.

Valerio Matteo Celotti
Ufficio Stampa Imolese Calcio 1919

Notizie correlate
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna