venerdì 6 dicembre 2019
menu
Basket D

Rose&Crown Villanova: i Tigers in trasferta sfidano Selene

In foto: Coach Valerio Rustignoli, foto Alfio Sgroi
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 22 nov 2019 19:16
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Rose&Crown Villanova con il borsone in mano, pieno di soddisfazione per la gara vinta due volte al supplementare e qualche problema fisico, si prepara ad affrontare la trasferta, sabato 23 novembre, alle ore 21, in casa del Selene S. Agata, quinto in classifica con 10 punti.

Illustra la trasferta di S. Agata sul Santerno (RA), il coach biancoverde Valerio Rustignoli.
“Giochiamo fuori casa dove finora abbiamo fatto fatica. Sarebbe opportuno e nostra volontà creare discontinuità, provando a giocare una bella partita. Il turno odierno è difficile, gli avversari sono in piena zona play off, e con merito. Si tratta di un bel gruppo molto giovane (i forlivesi Valgimigli, Bergantini, Poggi, Del Sozzo, li conoscono molto bene, ottimi per questa categoria), e ben allenato, con veterani come capitan Mastrilli”.

Reduce dalla vittoria casa contro Grifo, la prima in classifica, Selene è in fiducia. I Tigers, invece, arrivano con l’infermeria piena, nonostante i due punti abbiano proiettato la squadra a 6 punti in classifica.
“Rossi è ancora convalescente, non sappiamo se capitan Saccani sarà della contesa per un problema al ginocchio, mentre Calegari accusa problemi alla schiena da 10 giorni. Forse ci sarà ma di certo non al cento per cento. In ogni caso Villanova deve gettare il cuore oltre l’ostacolo, proprio come abbiamo fatto nel supplementare contro Imola dove siamo andati a riprendere una partita dominata per oltre 36’ e che ci stava scappando di mano. L’impegno di sabato è duro, a noi è richiesto un piccolo salto di qualità. Dobbiamo convincerci che le gare sono tutte da giocare e mettere in campo una bella prestazione, anche quando di fronte ci sono squadre più titolate e noi magari siamo pure in difficoltà. Vogliamo giocarcela su ogni campo: è vero che la serie D presenta già differenze fisiche e tecniche ma il gap può essere recuperato con la volontà. Sta a noi mettercela tutta, per rubare punti pesanti in chiave classifica”.