venerdì 13 dicembre 2019
menu
Volley C Maschile

Colpaccio della Romagna Banca Bellaria, che supera il Conad San Zaccaria Atlas

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
lun 18 nov 2019 10:46 ~ ultimo agg. 10:47
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Print Friendly, PDF & Email

Romagna Banca Bellaria I.m. Rn-Conad San Zaccaria Atlas Ra 3-1 (25-23, 29-27, 17-25, 30-28)

Tabellino Bellaria: Cucchi 5, Evangelisti 4, Morichelli 27, Fabbri 14, Virgili 7, Tosi Brandi 5, Mancinelli LIB, Sampaoli 0, Crociati 2, Pivi 6, Ciandrini ne, Tamburini ne.

Che partita pazzesca! Nel big match di giornata, i boys di Bellaria fanno il colpaccio e si portano a casa una favolosa vittoria contro l’Atlas Santo Stefano, formazione tra le più quotate del girone (se non la più quotata) che tra gli altri schierava tre ex da novanta come D’Andria, Bertacca e Monti. La vittoria (per 3-1) arriva dopo due ore abbondanti di gioco e con due set non adatti ai deboli di cuore, chiusi ai vantaggi (29-27 e 30-28), dopo aver annullato diverse palle set ai ravennati.

Dopo la brutta prestazione di San Giovanni, serviva riscattarsi e i ragazzi di coach Botteghi lo hanno fatto al meglio: “abbiamo disputato una gara fantastica, non siamo stati perfetti, ci sono ancora tante cose da limare, ma sul piano dell’approccio alla gara e della tenuta mentale abbiamo fatto un grande passo avanti. Siamo andati a recuperare due set (il secondo da 21-24 e il quarto da 23-24) come ancora non eravamo mai riusciti. Farlo in questa partita, contro un avversario così forte è un segnale importante! Spendo due parole per Mauro Pivi, uno dei nostri ‘grandi vecchi’ che a 38 anni è entrato nei momenti decisivi con la carica di un quindicenne e si è tolto pure lo sfizio di chiudere la partita con un muro vincente!”

Pre-gara anomalo: causa infiltrazioni di pioggia, si gioca a metà palazzetto vista l’impossibilità di utilizzare il campo lato mare del Pala Bim. Coach Botteghi muove solo una pedina sul suo scacchiere rispetto alle settimane precedenti: si parte con la diagonale Cucchi-Evangelisti palleggiatore-opposto, schiacciatori Morichelli e Fabbri, al centro Virgili e Tosi Brandi, libero Mancinelli.

Come ci si poteva aspettare c’è grande equilibrio in campo nelle prime battute. I bellariesi piazzano un bel break a metà set (13-9) sul servizio di Tosi Brandi: muro di Virgili su Taglioli e poi due palle out di Taglioli e Garavini. I ravennati punto su punto risalgono la china (con due errori di Morichelli e Virgili, seguiti da due punti di Piccinini e Taglioli) e si riportano a contatto 19-17. Dopo un errore di Fabbri, le distanze si accorciano ulteriormente, 20-20. Coach Botteghi si gioca la carta del doppio cambio: insieme a Sampaoli entra in campo Gianmarco Crociati, classe 2003, figlio d’arte dell’ex palleggiatore bellariese Claudio Crociati, al suo esordio in serie C. Si va avanti punto a punto fino al diagonale vincente di Morichelli per il 25-23 finale.

Il secondo parziale inizia con i padroni di casa molto attenti in difesa e muro, ma è Bertacca, con tre attacchi vincenti, a guidare il break dei ravennati (15-11). Il primo punto in serie C di Crociati vale il 19-20, con Bellaria che inizia a credere nella rimonta. Un pallonetto di Bertacca porta i suoi sul 24-21, con il set che pare ormai compromesso per i padroni di casa. Evangelisti fa il cambiopalla (22-24). Entra Pivi al servizio. Atlas sciupa due palle set: prima arriva il muro di Tosi Brandi su Bertacca (23-24), seguito dall’errore in attacco di Taglioli (24-24). Pivi fa una gran difesa che Morichelli trasforma (25-24), spostando l’inerzia in favore di Bellaria. L’ex D’Andria con un mani-out riporta in vantaggio i suoi (27-26). Tosi Brandi con un gran primo tempo pareggia (27-27), poi arrivano un errore degli ospiti e l’ace di Fabbri per chiudere 29-27.

Dopo le tante energie spese nel rush finale del precedente set, i bellariesi soffrono qualche errore di troppo, con i ravennati che comandano saldamente per tutto il parziale: Taglioli e Bertacca sembrano imprendibili e il finale è netto, 17-25.

Quarto parziale di grande equilibrio: il massimo vantaggio è di due punti per l’Atlas sul 13-15. Si arriva alle battute finali in perfetta parità, 23-23, con un mani out di Crociati a cui risponde con lo stesso colpo Taglioli. La prima palla set è per l’Atlas dopo l’ace di D’Andria su Mancinelli; errore al servizio, 24 pari. Bertacca crea la seconda palla set per i suoi, annullata da un pallonetto di Fabbri (25-25). Morichelli annulla altre tre palle set fino al 28-28. Sono due muri vincenti, di Fabbri su Taglioli e di Pivi su D’Andria, a scatenare il tripudio
bellariese.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna