domenica 15 settembre 2019
menu
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 3 set 2019 13:11 ~ ultimo agg. 13:12
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

A Rimini dal 1° gennaio al 31 agosto sono state 198 le donne prese in carico dal Centro antiviolenza provinciale, mentre sono 16 le donne ospitate nelle quattro case del progetto Dafne, con 18 minori. I dati sono forniti dal vice sindaco Gloria Lisi che fa un’analisi del “Codice rosso” il nuovo strumento normativo messo in campo per arginare il fenomeno crescente di violenza domestica che troppe volte, l’ultimo caso a Milano pochi giorni fa, finiscono con femminicidi.

La Lisi, affermando che ogni strumento per aiutare le donne maltrattate è utile, parla però di un vulnus nel “Codice rosso”: “Credo che il principale ‘bug’ del codice rosso e sul quale sia necessario intervenire sia proprio questo: dare maggiori strumenti e anche la possibilità di una formazione specifica agli organismi in prima linea, chiamati a districarsi e a rispondere alle richieste di aiuto“.

le dichiarazioni di Gloria Lisi

“Quello delle donne vittime di violenza è un bollettino di guerra in continuo aggiornamento. Uno dei casi più recenti e drammatici, quello di Angela Signorelli uccisa pochi giorni fa a Milano per mano del marito, ha portato alla ribalta del discorso pubblico qualche critica e perplessità rispetto al codice rosso, la nuova legge a tutela delle vittime di violenza domestica e di genere entrata in vigore poco meno di un mese fa e che, nel caso di Angela, non è servita a salvarle la vita. Io saluto con favore ogni strumento che va nella direzione di ampliare la tutela delle donne maltrattate, violate e stalkerizzate, in primo luogo perché serve a ribadire l’attenzione e la consapevolezza rispetto ad un fenomeno dalle dimensioni drammatiche e sul quale è necessaria una forte campagna di prevenzione e di informazione. Proprio però per la rilevanza e la delicatezza del tema, è indispensabile portare a galla senza esitazione gli eventuali vulnus normativi per dare l’opportunità a chi agisce sul campo – centri antiviolenza, Procure, Forze dell’ordine – di poter intervenire nella maniera più efficace e risolutiva, a difesa delle donne e dei minori. Credo che il principale ‘bug’ del codice rosso e sul quale sia necessario intervenire sia proprio questo: dare maggiori strumenti e anche la possibilità di una formazione specifica agli organismi in prima linea, chiamati a districarsi e a rispondere alle richieste di aiuto.

Sui dati di Rimini da inizio anno

Numeri che se danno il senso dell’entità del fenomeno, sono anche il segnale di una crescente capacità delle donne vittime di violenza di chiedere aiuto, una maggiore propensione a denunciare. E di questo va dato il merito alla grande rete che si è creata sul territorio, frutto della collaborazione e dell’abnegazione delle forze dell’ordine, dei magistrati, dei volontari e dei centri antiviolenza, che si fanno carico emotivamente oltre che concretamente dei drammi delle donne in difficoltà. Come Amministrazione, sempre in ottica di fare rete, stiamo lavorando insieme alla Prefettura e agli altri organi preposti per la semplificazione delle modalità operative di intervento. Non mi stancherò di ripetere che l’aspetto cardine sul quale lavorare è proprio quello della prevenzione e dell’informazione: è necessario aiutare le donne ad accrescere la consapevolezza della realtà del proprio contesto famigliare o della relazione con il partner o ex compagno, prima che si arrivi all’esasperazione, a situazioni dalle conseguenze drammatiche e spesso imprevedibili”.

 

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna