lunedì 17 giugno 2019
menu
In foto: L'arrivo di Fantozzi (archivio)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 26 mag 2019 23:13 ~ ultimo agg. 23:17
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Come accade da almeno un mese a questa parte, anche la Granfondo di San Benedetto del Tronto è stata flagellata dalla pioggia, costringendo gli organizzatori ad unificare il percorso lungo con il corto. Gara disputata, pertanto, sulla distanza di 95 chilometri, conditi da quattro salite che hanno selezionato gli otto migliori.

Buona prova di Luca Fantozzi, 29enne morcianese del 360 Bike Team di Cattolica, che si conferma come uno dei corridori più regolari del panorama granfondistico del Centro Italia. Fantozzi si è classificato undicesimo, nonostante il lotto di partenti qualificato.

“Il momento nevralgico della corsa è stata la salita di Offida – racconta Luca Fantozzi -, posizionata a metà gara, dove hanno allungato in otto, che poi sono riusciti ad arrivare (vittoria a Federico Colone, già primo sette giorni fa alla Nove Colli, ndr). In discesa ho allungato insieme a Martorelli della Colnago Mg.K.Vis, arrivando ad una manciata di secondi dagli otto fuggitivi. L’ultima ascesa ci è stata fatale, perché quelli davanti avevano un altro passo e da dietro è rientrato anche Anselmicchio, altro portacolori della Colnago”. Al traguardo Fantozzi non ha sprintato, accontentandosi dell’undicesima piazza: “È stata una giornata davvero dura, a causa della pioggia e del fango che, in alcuni tratti, era colato fin sulla sede stradale”.

Piazzamento nella top 50 per Alessandro Torini, giunto 49° in una granfondo che ha visto all’arrivo 523 atleti. Sfortunato Simone D’Angelo, che in un tratto pianeggiante si è toccato con un altro concorrente, finendo a terra. Scivolata anche per Mattia Zamagni: entrambi sperano di recuperare in tempo per la Granfondo Straducale di Urbino di domenica prossima.

Al via dalla città ducale ci saranno, come ad ogni prova del circuito Marche Marathon, Fantozzi, Torini, D’Angelo e Zamagni.

I biker erano impegnati nella classica “Il Carpegna mi basta” disputata, come ormai da tradizione, con partenza e arrivo dal centro di Carpegna: in montagna il maltempo ha imperversato ed il solo Michael Filetti ha deciso di prendere il via, terminando 58°.

Pierpaolo Bellucci di Pi.Be. Cycling Press
Addetto stampa del “360 Bike Team” di Cattolica

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna