venerdì 22 novembre 2019
menu
razzia di cellulari e tablet

In ferie per rubare

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 29 mar 2019 08:26 ~ ultimo agg. 11:31
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Due uomini di 58 e 61 sono stati arrestati mercoledì sera da un equipaggio delle volanti della questura di Rimini per furto e ricettazione. Da alcuni giorni i due stavano ripulendo le automobili parcheggiate fuori da ristoranti e locali, trafugando cellulari, macchine fotografiche, tablet e altro, nelle province di Ravenna, Cesena, Rimini e fino ad Ascoli Piceno.

Proprio un tablet, però, li ha traditi. Il proprietario, un uomo di Cesena che aveva parcheggiato la macchina fuori da un locale in cui stava cenando, appena si è accorto del furto ha subito avvertito la polizia e ha attivato la funzione che permette la geolocalizzazione del dispositivo. Seguendo questo segnale la polizia è arrivata nel luogo in cui la macchina dei due ladri si era appena fermata.

Dopo i primi controlli, gli agenti si sono insospettiti, a causa delle risposte vaghe dei due fermati. Poi, i poliziotti hanno chiesto alla centrale operativa di far “squillare” il tablet, e hanno sentito il suono provenire dall’interno dell’automobile. Una prima ricerca ha rivelato un vano nascosto tra la ruota di scorta e il paraurti dell’auto con dentro tutta la refurtiva.

Infine, la sorpresa: uno dei due malviventi è un dipendente della Provincia di Napoli, che per “lavorare” col compare, aveva chiesto e preso le ferie. Ieri mattina, dopo la convalida dell’arresto, il dipendente è stato rimandato a Napoli con obbligo di dimora e di non uscire la sera. Il complice invece, con già alcuni precedenti penali all’attivo, è confinato agli arresti domicialiari.

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
VIDEO
di Andrea Polazzi   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna