13 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Femminicidio, perché così tanti in Italia?

donneintervisteRimini

13 aprile 2018, 09:58

7 di 8.234 Il Comune di Rimini concede un proprio immobile destinato a diventare casa per le donne vittime di violenza

in foto: repertorio

Laura ha 20 anni ascolta le notizie e cambia canale, Daniela di anni ne ha 40 ci riflette su e poi va a lavorarare, Gabriella ottantenne non riconosce più il mondo in cui è cresciuta. Al di là dei fatti violenti che riguardano le donne e che si riassumono nel termine sgradevole quanto significativo che è “femminicidio” c’è tutto un mondo che si interroga. Donne e uomini che si chiedono come sia possibile che quasi ogni giorno una donna venga uccisa per mano di un uomo, e di un uomo che per giunta affermava di amarle.
C’è chi dice che il fenomeno è sempre esistito, semplicemente non veniva enfatizzato dai media e chi afferma che le donne in nome di una raggiunta parità, giustamente non ci stanno più a farsi maltrattare e poi finisce come finisce.
Ma procediamo con ordine chiedendo supporto a un’esperta. La psicologa Enrica Notario che proprio su questi temi lavora al “Centro di Psicologia l’Arco” di Rimini.

Dottoressa, partiamo dal principio: come è cambiato il rapporto uomo-donna?
“Il rapporto di coppia è alle prese con la ricerca di un nuovo modo di integrare i bisogni individuali, dell’uomo e della donna: ruoli e funzioni non sono più predefiniti come in passato, questo da un lato facilita la crescita e la realizzazione personale ma dall’altro destabilizza. Fino a che punto i due partner riescono a tollerare spazi di autonomia reciproci? Quanta mobiltà c’è nella coppia verso nuovi adattamenti ai cambiamenti che si presentano nel corso della vita? Nell’affrontare vicissitudini come queste la coppia attraversa inevitabilmente un conflitto che comporta sentimenti di rabbia. Il punto non è eliminarlo o negarlo ma trovare gli strumenti per affrontarlo in modo che il legame possa mantenersi e maturare”.

Perché tanti episodi di femminicidio in Italia?
“In realtà i dati statistici (Unodc, Istat) dicono che l’Italia è tra i paesi sviluppati quello con minor incidenza di femminicidio. Il fenomeno però esiste ed è la soluzione estrema ad un conflitto percepito come una minaccia, in cui l’unica via d’uscita immaginata possibile è la violenza”.

Come arginare allora il fenomeno?
“L’intervento legislativo (la legge contro il femminicidio è del 2013) non è sufficiente per incidere in maniera significativa. Il dibattito in corso su questo tema può però contribuire ad una riflessione che porti ad azioni preventive partendo dal piano culturale ed educativo. In altre parole investire sull’educazione ad un’affettività più matura che accompagni i bambini (maschi e femmine) e gli adolescenti nella crescita perché possano imparare a tollerare le frustrazioni, ad avere relazioni più empatiche, per poter diventare adulti che riescono a sopportare il dolore di un rifiuto o di una separazione”.

 

Continua a leggere sul sito de Il Ponte

Redazione RiminiSocial 2.0

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454