mercoledì 12 dicembre 2018
di Icaro Sport   
lettura: 3 minuti
lun 8 mag 2017 11:23
Print Friendly, PDF & Email
3 min 95
Print Friendly, PDF & Email

UNDER 16 D’ECCELLENZA-SPAREGGIO
BASKET RIMINI CRABS-CUS BARI 78-64
(12-17; 27-35; 53-57)
Crabs: Chen, Heba, Rosario Cruz 5, Lonfernini 1, Veroni 8, Rossi 24, Puzalkov, Giorgi 3, Ferrari 6, Mavric 19, Sarti, Iannello 12. All.: Luongo, Daccico, Vitali – Acc.: Ciancone.
Cus: Liantonio n.e., Lorusso n.e., De Astis 7, Gaeta n.e., Acella 2, Argentino n.e., Ravelli 16, De Simone 23, Battista 2, Meuli 9, Giovine, Genchi 5. All.: Dimitri, Damiani, Ravelli.

Gli Under 16 conquistano il pass per l’interzona al termine di una gara complicatissima che sembrava aver ormai preso la strada per la Puglia.
Inizio contratto per entrambe le squadre, come prevedibile.
I Crabs partono bene con un Giorgi molto pimpante, ma otto punti personali consecutivi (con due triple) di De Simone permettono a Bari il primo allungo (9-14).
Ferrari mette in mostra insospettabili doti da stoppatore (3 stoppate per lui), ma in attacco Rimini arranca, sbaglia anche conclusioni facili mentre sul fronte opposto arriva la tripla di Ravelli: Bari sopra di 5 alla prima sirena (12-17).
Ad inizio secondo quarto i Crabs sembrano scuotersi: è Iannello con due triple, inframezzate da una penetrazione di Ferrari, a riportare a contatto i granchietti (20-22), ma il Cus non demorde e con un altro canestro da tre punti di Ravelli torna a +8 (22-30). Una tripla siderale di De Simone fa registrare il primo vantaggio in doppia cifra (22-33): per l’esterno barese sono già 20 i punti messi a segno in 16′ sui 33 della sua squadra! I granchietti si innervosiscono e si disuniscono, molte soluzioni personali ma i tiri di Ferrari, Mavric e Rossi non ne vogliono sapere di entrare (3/16 complessivo per il terzetto nel secondo periodo). Bari tocca il +13 (22-35) prima che sul finire del quarto una tripla del solito Iannello ed un contropiede di Ferrari (6 punti, 10 rimbalzi, 3 stoppate) lanciato da un recupero di Lonfernini permettano ai Crabs di andare al riposo sul -8 (27-35).
Il peggio sembra passato ed i granchietti tornano in campo dagli spogliatoi decisi a ribaltare l’incontro: invece è ancora il Cus Bari a fare la partita. De Simone da 3, poi uno spettacolare canestro di Ravelli ed ancora una tripla di Ravelli: dopo 5′ Bari vola sul +16 (31-47), i Crabs sembrano ormai in ginocchio. Nel momento più difficile, sale in cattedra Mavric con due canestri più fallo ed un canestro da 2. Con l’energia apportata da Rosario Cruz, entra in partita anche Rossi ed in meno di 3′ i Crabs piazzano un parziale di 13-2 che riapre la partita (44-49 con 2′ da giocare ). C’è anche lo zampino di un solido Puzalkov nel recupero dei Crabs. Nel momento migliore di Rimini, però, Genchi piazza una tripla pazzesca nonostante una buona difesa dei granchietti: Bari riprende fiducia e torna a +8 (46-54), anche se Mavric continua ad essere una spina nel fianco per la difesa pugliese (5 falli subiti, 5/8 ai liberi). Veroni ben imbeccato da Rosario Cruz chiude il terzo quarto sul 53-57.
Bari sente il fiato di Rimini sul collo e non trova più le soluzioni che prima sembravano facili. Veroni continua l’opera iniziata a fine terzo quarto e con altri due canestri firma l’agognato pareggio a quota 57, poi Rossi (top-scorer con 24 punti, 14 rimbalzi, 4 recuperi e 3 assist) dai 5 metri firma il sorpasso (59-57). Inizia un’altra partita: i granchietti ora sono più sicuri, lo scatenato Veroni (8 punti, tutti nei decisivi 7′ a cavallo degli ultimi due quarti) infila il +5 (66-61) ancora su assist di Rosario. Rimini, con Mavric (19 punti, 6 recuperi, 7 falli subiti) e Rosario Cruz (5 punti, 9 rimbalzi, 4 recuperi e 4 assist), si attesta sui 5-6 punti di vantaggio, poi a 2:40 dalla fine Iannello (12 punti con 4/9 da 3, 7 rimbalzi) infila la tripla del 73-64 che di fatto chiude la contesa. Il Cus, infatti, un po’ demoralizzato, non trova più la via del canestro, sbagliando anche molti liberi, ed i Crabs chiudono in controllo fino al definitivo 78-64.
Con questa vittoria gli Under 16 staccano il pass per l’interzona (19-21 maggio): i granchietti sono inseriti nel concentramento 2 di stanza ad Arezzo con Olimpia Milano (Lombardia-1), Cab Stamura Ancona (Marche/Umbria-1) e Virtus Valmontone (Lazio-3).

Pre-spareggi:
Molise Basket Young (Molise-1) – Ponte Vecchio Perugia (Marche/Umbria-4) 54-56 dts
Cus Catania (Sicilia-1) – Viola R. Calabria (Calabria-1) 102-52

I risultati degli spareggi:
Ortona: Basket Rimini Crabs (Emilia-Romagna-4) – CUS Bari (Puglia-2) 74-68
Arezzo: Vanoli Cremona (Lombardia-4) – Magic Chieti (Abruzzo-2) 84-54
Roma: Don Bosco Livorno (Toscana-4) – Olimpia Cagliari (Sardegna-1) 58-46
Anzola: Pallacanestro Vado (Piemonte-3) – Ponte Vecchio Perugia (prespareggio-1) 72-61
Campobasso: Aurora Brindisi (Puglia-1) – Tiber Basket (Lazio-4) 78-57
Corvo Catanzaro: Scuola Basket Salerno (Campania-3) – CUS Catania (prespareggio-2)
Fossombrone: Roseto Sharks Academy (Abruzzo-1) – Solid World 3D Treviso (Veneto/TAA-4) 72-88
Roma: Virtus Basket P. S. Giorgio 2008 (Marche-3) – Polisportiva Dinamo Sassari (Sardegna-2) 65-44
Vigasio (VR): College Basketball Borgomanero (Piemonte-4) – Amici Pall. Udine (Friuli V.G.-3) 71-86

Notizie correlate
di Icaro Sport
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL METEO