mercoledì 23 gennaio 2019
In foto: repertorio
di Redazione   
lettura: 1 minuto
dom 27 nov 2016 11:19 ~ ultimo agg. 16:42
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Il rischio è insito nella guida di un motoveicolo. Partendo dalle statistiche sull’incidentalità stradale, passando per l’analisi reale di 1000 incidenti motociclistici, uno studio europeo, il MAIDS, ci dice che l’errore umano è la causa di incidente nell’87,5% dei casi. L’errore può essere percettivo (errata percezione del pericolo) e generare per questo una errata reazione da parte del conducente.

Per questo motivo il Dipartimento Educazione Stradale della Federazione Motociclistica Italiana svolge un percorso teorico e pratico di educazione rivolto a tutti gli utenti della strada (dai bambini agli adulti), aiutandoli ad avere consapevolezza del mezzo che conducono (a conoscerlo tecnicamente ed a conoscere se stessi), per arrivare ad avere un sempre migliore controllo percettivo e tecnico del motoveicolo, che è instabile per sua natura.

Piergiorgio Bontempi, responsabile dell’educazione stradale FMI per la regione Marche, forte della sua esperienza di pilota, analizzerà questi temi, sottolineando l’importanza dell’uso di idonee protezioni passive e dell’attivazione di comportamenti che generano la sicurezza attiva.

L’obiettivo è quello di far acquisire alla platea una maggiore consapevolezza dei rischi connessi all’utilizzo della moto, stimolando una guida che tenga conto delle tante variabili che la strada presenta.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna