Indietro
lunedì 30 novembre 2020
menu
Icaro Sport

Athletic Falco. È Mattia Briganti il rinforzo per l'attacco

In foto: Il sindaco di Santarcangelo, Alice Parma, premia il presidente dell'Athletic, Fabio Cameli, al Premio Sport Valmarecchia 2016
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 25 lug 2016 09:44 ~ ultimo agg. 09:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

ATHLETIC FALCO. È MATTIA BRIGANTI IL RINFORZO PER L’ATTACCO

Ormai è noto che il periodo estivo non sia caldo solo per il clima. Infatti proseguono ininterrotti i movimenti di mercato delle squadre di calcio dilettantistiche romagnole, intente a rafforzare i propri organici allo scopo di allestire rose all’altezza dei progetti ideati.

Anche in casa Athletic non stanno a guardare e lo dimostra l’annuncio dell’ingaggio di Mattia Briganti, un attaccante dal curriculum significativo.

Nato ad Anagni, classe ’85, l’atleta laziale è cresciuto nel vivaio dell’Anagni Fontana per poi continuare la sua formazione nel Collefferro, società con la quale esordisce in Eccellenza. A 19 anni il trasferimento a Cesena, per motivi di lavoro, senza comunque abbandonare la passione per il calcio. Ecco quindi le esperienze con le maglie di Villalta, Ruffio, Cesena United, San Vittore e Dismano United.

Insomma dopo tanta esperienza, ora per Briganti è arrivata la chiamata dell’Atheltic Falco: “Per amore mi sono trasferito a Rimini e quindi mi stavo guardando intorno per trovare una squadra in città – spiega il centravanti frusinate –. Avevo qualche contatto ma dopo essermi imbattuto con la realtà Athletic non ho avuto più dubbi: società seria ed entusiasta, bel gruppo con ottimi elementi ed un progetto ambizioso. Quindi non ho potuto dire di no”.

Che idea si è fatto dell’Athletic in queste due stagioni, valutandolo dall’esterno?
“Una società che in due stagioni ottiene certi risultati non è un caso, ma frutto di un ottimo lavoro da parte di tutti. Quest’anno ho avuto l’occasione di vedere un paio di partite a fine stagione, quando gli arancioneri si stavano giocando l’accesso ai playoff, e mi ha colpito un aspetto: la forza del gruppo, la convinzione che ci hanno messo per raggiungere all’obiettivo”.

Cosa si aspetta dalla prossima stagione? Conosce già mister Nicolini o il Direttore Tecnico Andruccioli?
“Sicuramente le premesse sono ottime. Quindi mi aspetto di migliorare, anche se difficile, i risultati degli anni precedenti. Mister Nicolini ed il Direttore Tecnico Andruccioli li ho conosciuti di persona e si nota che sono persone molto preparate. Si tratta di due valori aggiunti, e quindi di un motivo in più per far bene”.

Che tipo di giocatore è?
“Per quando riguarda il mio ruolo è rischioso sbilanciasi (sorride, ndr). Mi auguro che a parlare sia il campo. Posso solo evidenziare un aspetto: sono un giocatore che non molla mai e se sposo un progetto lo faccio appieno. Spero di segnare molti gol per ripagare tutto l’entusiasmo che si respira nell’ambiente Athletic!”