Indietro
martedì 20 ottobre 2020
menu
Blog/Commenti

Basta un gesto

di Mario Galasso   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 28 gen 2016 17:31 ~ ultimo agg. 1 feb 09:54
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Viviamo un tempo dove le parole riempiono il nostro quotidiano. Tutto sembra già scritto, previsto. Nulla si può cambiare. Siamo rassegnati. Si è sempre fatto così. Ognuno di noi, cerca di arrabattarsi, di coltivare al meglio il proprio orticello nella speranza che nulla accada a rovinarlo. E, mentre stiamo relativamente bene e comodi, ci dimentichiamo degli altri, non ci interessano i loro problemi, le loro sofferenze e le ingiustizie che subiscono…

 

Eppure.
Ci sono gesti che possono cambiare e rivoluzionare l’inesorabile dipanarsi degli eventi.
C’è uno schierarsi, uno spendersi in prima persona, che, incredibilmente può trasformare un finale apparentemente già stabilito.

 

È successo ieri a Genova quando la vicequestore Maria Teresa  Canessa si è sfilata il casco e ha stretto la mano agli operai che manifestavano. Lei, unica donna in mezzo a una contrapposizione complicata, delicata, difficile: gli operai volevano raggiungere la Prefettura, le forze dell’ordine schierate ad impedirlo. Animi accesi da preoccupazioni e nervosismi, da angosce e inquietudini. Sarebbe bastata una scintilla per far esplodere tutto. Invece, … ecco il gesto, imprevedibile, inaspettato, fuori dal protocollo, per stemperare gli animi ed iniziare un dialogo dove vengono condivisi tormenti e sofferenze, sogni e speranze. Tormenti e speranze uguali per gli uni e gli altri.

 

È successo il 21 dicembre in Kenya quando, durante un’imboscata ad un autobus dei fanatici di Al Shabaab, Salah Farah, vicepreside di una scuola di Mandera e padre di cinque figli, si è opposto alla divisione tra cristiani e musulmani con l’intento dichiarato di uccidere poi i cristiani, dichiarando “Uccideteci tutti o andatevene. Siamo fratelli. Io penso che cristiani e musulmani devono aiutarsi reciprocamente”. Farah è morto pochi giorni fa per le ferite riportate. Il suo esempio rappresenta l’unico modo efficace per spuntare le armi del terrorismo che utilizza la religione per dividere la popolazione. E dietro la religione interessi inconfessabili: economici e politici.

 

Gesti d’impulso che violano i regolamenti – scritti o non scritti – ma cambiano le regole del gioco, rompono gli schemi inserendo una variabile spontanea, umana.
Noi, siamo capaci di dare spazio alla nostra umanità?

Altre notizie
Cronache dalla zona rossa

Sentiamoci

di Mario Galasso
Cronache dalla zona rossa

Cambio Generazionale

di Mario Galasso
Cronache dalla zona rossa

Torneremo a ridere insieme

di Mario Galasso
Notizie correlate
Nessuna notiza correlata.