Indietro
venerdì 27 novembre 2020
menu
Icaro Sport

Passaggi Sport Festival 'Libri in campo'

di    
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
mar 19 ago 2014 20:57 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nell’anno di Cesena città europea dello sport, il cartellone degli eventi cesenati si arricchisce di un nuovo appuntamento che coniuga libri e agonismo.

Dal 10 al 14 settembre, infatti, Cesena ospiterà la prima edizione di Passaggi Sport Festival: organizzata Passaggi Cultura in collaborazione con Sky Sport, la manifestazione punterà i riflettori sui libri dedicati al mondo dello sport, con la presenza di grandi protagonisti. La presentazione ufficiale della
manifestazione si è svolta questa mattina, nel corso di una conferenza stampa ospitata dalla sala del consiglio comunale. Presenti il Sindaco di Cesena Paolo Lucchi, l’Assessore alla Cultura e allo Sport Christian Castorri, Giovanni Belfiori, direttore generale a Passaggi Sport Festival, Luca Corsolini,
giornalista di Sky Sport, e i rappresentanti di varie associazioni sportive.

IL FESTIVAL
Raccontare lo sport. Non solo attraverso le azioni sportive ma anche attraverso le gesta e le personalità dei grandi campioni. Vicende spesso epiche, entrate nella memoria collettiva al pari delle grandi battaglie, e che fanno di questa attività umana qualcosa di più di un semplice gioco o di una competizione.

Questa la missione di Passaggi Sport Festival – “Libri in Campo”, kermesse letterario-sportiva
che inaugura quest’anno la sua prima edizione e che si propone già come riferimento nazionale per il racconto dello sport, dei suoi valori e del suo valore.

I campi da gioco sono anche campi di storie. Chi al loro interno corre, salta, fatica, gioisce non dà vita solo ad un evento sportivo: insieme alle migliaia di persone che sono lì a guardarlo, ai milioni di persone che in quello stesso momento sono incollati ad uno schermo o che l’indomani leggono di lui su un giornale, crea un gigantesco insieme di sensazioni, di emozioni collettive, di partecipazione. Crea, appunto, delle storie. Storie che uniscono tra loro gli individui e che spesso riescono ad oltrepassare confini e ad abbattere muri. Storie che a volte riescono a spiegare molto della società e del mondo in cui viviamo. Da sempre la letteratura questo lo ha compreso: pagine e pagine, di addetti ai lavori e specialisti, e anche di scrittori, poeti e intellettuali di fama assoluta – da Italo Calvino a Pier Paolo Pasolini, da Giovanni Arpino a Mario Soldati, da Norman Mailer a Osvaldo Soriano e Nick Hornby – hanno raccontato lo sport, i suoi campioni, i suoi miti, i vincitori e gli sconfitti, i momenti e i luoghi rimasti leggendari.

Raccontare lo sport non è più un fenomeno di nicchia. Nelle ultime stagioni gli editori italiani dedicano sempre maggiore attenzione a questo tema e pubblicano sempre più titoli. Lo scorso anno i libri con dentro lo sport sono aumentati del cento per cento, sono cioè raddoppiati. La narrazione sportiva, dunque, è ormai al centro dell’attenzione della produzione industriale ed economica, si tratti di saggi, biografie, romanzi o racconti.

Tra le particolarità della prima edizione una intera sezione del Festival dedicata alla letteratura sportiva per ragazzi.

DOVE E QUANDO
L’evento si terrà a Cesena dal 10 al 14 settembre e vedrà la presenza di giornalisti, atleti e personaggi di spicco del mondo dello sport, tra cui Giovanni Malagò, presidente nazionale del CONI; Giovanni Bruno, direttore di SKY SPORT, ma anche giornalisti del calibro di Fabio Caressa e atleti che hanno fatto la storia del proprio sport, come il pallavolista Andrea Zorzi.

Lo sport è sopratutto comunità e le storie sono la sua narrazione. Questa l’idea che ispira il Festival, che ha scelto come location – apparentemente inusuale per una rassegna dedicata allo sport – il Chiostro di San Francesco di Cesena, il complesso compreso fra piazza Bufalini e via Montalti che ospita al suo interno la Biblioteca Malatestiana, unica biblioteca medioevale ancora intatta e una delle più antiche
biblioteche civiche esistenti.

CHI
Il Festival è organizzato dalla Associazione PASSAGGI CULTURA in collaborazione con SKY e SKY SPORT. Il presidente del Festival è Nando dalla Chiesa, considerato, tra l’altro, l’iniziatore in Italia del genere letterario sportivo con “La farfalla granata”, libro dedicato a Gigi Meroni. Direttore generale del Festival è il giornalista Giovanni Belfiori, mentre il Direttore culturale è l’autore e storico Claudio Novelli.

PERCHÉ A CESENA
Perché è una città ricca di tradizioni sportive (qui sono nati grandi campioni dello sport come
Marco Pantani, Azeglio Vicini, Christian Brighi…). Perché è una terra di sport in senso lato, ricca di associazioni sportive, di impianti, ma anche ricca di aziende che operano nel mondo dello sport, come Technogym, società leader internazionale del wellness e del fitness.

Perché nel 2014 è stata insignita del titolo di Città Europea dello Sport. Secondo ACES EUROPE
(l’organismo europeo che ogni anno attribuisce questo premio d’intesa con l’Unione Europea e il
CONI), Cesena è “un ottimo esempio di sport per tutti inteso come strumento di salute, integrazione, istruzione e rispetto”, che ha saputo sviluppare una politica sportiva esemplare, sostenuta da ottime infrastrutture. A Cesena sono attivi, infatti, 40 impianti sportivi – mono e polifunzionali -, alcuni dei quali di eccellenza, come il noto Ippodromo del Savio, lo stadio, la piscina, la pista di atletica leggera, la palestra di ginnastica artistica, e il Carisport.

Una fitta rete di passioni e partecipazione, anche, che annovera 25 impianti sportivi di quartiere, la cui gestione è affidata alle Associazioni di promozione Sociale. Qui ci sono 273 associazioni sportive affiliate al CONI, che aggregano e promuovono lo sport in tantissime discipline, rivolgendosi a bambini, adulti e anziani con l’offerta sportiva la più ampia e variegata possibile. La maggior parte delle associazioni (circa 73%) è affiliata agli Enti di promozione sportiva, mentre il 24% è affiliata alle Federazioni sportive nazionali; il restante 2,5% è affiliato a DSA (Discipline Sportive Associate).

Il totale di praticanti è stimato in circa 24.000 persone. Con questi numeri e questa vocazione Cesena rappresenta la sede ideale per un Festival dedicato alla letteratura sportiva.

UN FESTIVAL SOCIAL
Coerente con il suo spirito di comunità, uno dei ‘campi da gioco’ di Passaggi Sport Festival – “Libri in Campo” sarà la rete dei social network.

Non solo si potranno seguire storie, approfondimenti e curiosità sul e del Festival, ma si potrà anche essere parte integrante dell’evento attraverso la creazione di contenuti e la partecipazione ad un contest fotografico che verrà lanciato nei prossimi giorni.

Passaggi Sport Festival – “Libri in Campo” sui social:
Account Facebook: Passaggi Sport Festival
Account Twitter: Passaggi Sport
Account Instagram: Passaggi Sport

La promozione dell’evento passerà anche dai luoghi di villeggiatura, con il coinvolgimento della Riviera.

Passaggi Sport Festival sarà lanciato con messaggi specifici di Fonospiaggia, mentre saranno proposti
pacchetti turistici ad hoc, che punteranno ad allungare la stagione turistica, grazie alla collaborazione con gli albergatori di Cesena e Cesenatico.

SPONSOR E PATROCINI
PASSAGGI SPORT FESTIVAL – “LIBRI IN CAMPO” è realizzato con il Patrocinio ed il contributo del:
COMUNE DI CESENA

e con il contributo di:
TECHNOGYM
ROMAGNA INIZIATIVE
CESENA FIERE
CAMPOMAGGI & CATERINA LUCCHI
PANATHLON CLUB DI CESENA.

Il costo previsto per la manifestazione è di circa 75mila euro, coperti per oltre i due terzi dagli sponsor.

Come già felicemente sperimentato con Piazze di Cinema, le attività del festival saranno realizzate anche grazie al supporto dei volontari: circa 200 quelli coinvolti attraverso le società sportive cesenati.

Notizie correlate
Tra carnevale e sostenibilità

"Mal di plastica" approda a Gambettola

di Redazione   
FOTO
di Redazione   
VIDEO