Indietro
menu
Rimini

Al via i corsi di una rinnovata università popolare 'I.Righetti'

di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 5 ott 2012 10:39 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’università è stata fondata nel 1921 da Igino Righetti, chiusa poi dal fascismo nel 1925 e incorporata dall’ Istituto culturale del regime. Com’è noto, Igino Righetti (1904-1937), lasciata Rimini, divenne presidente nazionale della Federazione Universitaria Cattolica Italiana (FUCI) , avendo come assistente mons. Giovanni Battista Montini (poi Paolo VI). Successivamente fondò il Movimento dei Laureati Cattolici e la rivista “Studium”. L’Università popolare ebbe nuova vita nel secondo dopoguerra, sotto la direzione di Maria Massani, di Gino Zannini e infine di Sergio Ceccarelli. I promotori attuali dell’iniziativa sono il prof Fabio Zavatta, il dott. Agostino Pasquini e il prof. Piergiorgio Grassi.
La ripresa delle attività è anche segnata da mutamenti nella struttura dell’Università popolare. Non più solo conferenze, ma veri e propri corsi con docenti universitari o docenti di scuola media superiore. A lezioni frontali si alterneranno laboratori di ricerca. Il campo delle discipline è vasto: dalla storia locale, alla filosofia, all’economia, alla fisica, alle grandi religioni (in particolare l’Islam), alla letteratura (greca, latina e italiana), alla sociologia. Alla fine di ogni corso sarà rilasciato un attestato.
La domanda di sapere (da parte dei giovani e non) e la richiesta di competenze da parte della società sono mutate radicalmente nel giro di pochi anni e nuove sfide si presentano a tutte le età. C’è perciò il bisogno, da una parte, di tornare alla centralità della persona, sempre spinta a vivere la propria autenticità e a misurarsi con la libertà di cercare , trovare e vivere il vero, il bene e il bello in una stagione di tumultuosi e talvolta dolorosi cambiamenti. Si deve cercare,inoltre, di stabilire un rapporto stretto tra passato e presente, tra cultura umanistica e cultura tecnico-scientifica, sì da sentirsi e vivere all’altezza delle questioni che si agitano in questo tumultuoso passaggio d’epoca.
Apriranno i corsi il la prof.ssa Cinzia Montevecchi (nel mese di ottobre) dedicato teatro greco e il prof. Pierpaolo Parma (nel mese di novembre) sul fondamentalismo islamico.
I programmi e il curriculum dei docenti si può consultare nel sito www.liberauniversita.it Per ulteriori informazioni e per le iscrizioni telefonare al 339 7766724 o allo 0541 780462 (Fondazione Igino Righetti).

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO