domenica 25 agosto 2019
menu
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
ven 8 giu 2012 15:16 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

La quinta edizione di Emanuele una partita per la vita è stata da record, con numeri superiori anche alla prima. 120 gli atleti in campo, tra cui tanti giocatori del Rimini attuale e del passato (i fratelli Brighi, Rosini, Gasperoni, Valeriani, Dei, Bizzarri, Bravo, Baccin, Ricchiuti, Rachini, Milone, Porchia, Peccarisi, Manfredini, solo per citarne alcuni), il presidente della società biancorossa Amati, i mister Acori (in campo), Bonavita, Melotti, Petrone e Pesaresi (in panchina), i centauri De Angelis e Roccoli, i comici Baz e Cacioppo, tanti campioni di baseball e basket, con capitano della squadra dei gialli Myers, e rappresentanti delle istituzioni: il sindaco di Rimini Gnassi, il presidente della provincia Vitali e il consigliere regionale Piva.
2mila gli adulti presenti sugli spalti del “Romeo Neri” e 600 i bambini a bordo campo. Nel pomeriggio dieci squadre Esordienti si sono affrontate nella seconda edizione del torneo dedicato al piccolo Emanuele Zamagni, spentosi nel 2007 a causa della fibrosi cistica, la più diffusa tra le malattie genetiche.
E alle 20 è scattato il triangolare, vinto dai gialli, che si sono imposti prima sui verdi (4-2), poi, nella terza partita, sui rossi (2-0), con Lunardini a segno in entrambe le mini-partite. La seconda gara, quella tra verdi e rossi, è stata vinta ai rigori dai verdi (dopo il 2-2 alla fine del tempo). Ad aprire la serata Kelly Joyce.

(nella foto, Gianluca Zamagni, il papà di Emanuele)

Altre notizie
di Roberto Bonfantini
VIDEO
di Icaro Sport
Notizie correlate
di Icaro Sport   
FOTO
di Roberto Bonfantini   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna