giovedì 13 dicembre 2018
In foto: "Una procedura irrispettosa della dignità umana". Con queste parole il sindaco Alberto Ravaioli è intervenuto sulle lunghe code di lavoratori extracomunitari alle poste per la regolarizzazione del posto di lavoro. Il testo completo dell'intervento:
di    
lettura: 1 minuto
mar 14 mar 2006 16:24 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto 1
Print Friendly, PDF & Email

“Questa mattina, transitando davanti agli uffici postali di Rimini e Bologna, mi sono chiesto: può la civile Italia solo pensare procedure irrispettose della dignità umana come quella imposta oggi agli immigrati che, per godere del diritto a un lavoro regolare, devono concorrere a una sorta di barbara lotteria? Quelle file crescenti per ore e ore davanti agli sportelli di tutto il Paese hanno qualcosa a che fare con i valori dell’integrazione, del dialogo, della solidarietà che innervano la nostra Costituzione?

No, non ce l’hanno. Da cittadino non posso non rimarcare la disumana filosofia che sottende questa iniziativa, applicata a uomini, donne e bambini che vedono nel nostro Paese la speranza di un futuro migliore.

Mi auguro che tra un mese il nuovo governo cancelli questa pagina vergognosa e torni primariamente a dare a chi proviene da Paesi più sfortunati il segno di un’educazione e di una organizzazione ora assente.

Da parte mia confermo l’impegno di inserire tra le priorità del programma di mandato per Rimini politiche dell’integrazione pienamente, quotidianamente rispettose della dignità delle persone.”

Altre notizie
di Redazione
di Maurizio Ceccarini
Notizie correlate
Una vicenda che fa discutere

Arresti alla casa per anziani. I commenti

di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL METEO