lunedì 21 gennaio 2019
In foto: Non fu un errore medico ne una carenza della struttura sanitaria a causare, il 29 luglio 2001, la morte di Angela Biordi, 32enne di Corsico Milanese, operata alla casa di cura Villa Maria di Rimini per un raschiamento conseguente ad un aborto spontaneo.
di    
lettura: 1 minuto
mer 28 set 2005 19:13 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

La causa fu una malformazione congenita della coronaria sinistra, chiamata “cuore di pietra”, di cui la donna non era a conoscenza, che ha generato un infarto fulminante.
A stabilirlo i periti del tribunale di Rimini, dove è in corso l’udienza preliminare che vede imputati per omicidio colposo il cesenate Renato Roncuzzi, primario di Ginecologia,
il sammarinese Maurizio Mazzanti, anestesista, ed il ginecologo riminese Sergio Nisi.

Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna