19 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Congresso metalmeccanici Fiom: prove di unità tra Fiom, Fim e Uilm

LavoroRimini

22 gennaio 2002, 20:42

in foto: Prove di unità tra Fiom, Fim e Uilm in vista della piattaforma del nuovo contratto nazionale di lavoro. I segretari generali di Fiom, Fim e Uilm, divisi sulla firma dello scorso contratto (la Fiom non firmò) dal palco del congresso dei metalmeccanici della Cgil a Rimini hanno riaffermato l'importanza dell'unità sindacale, anche se hanno sottolineato le difficoltà in cui questa si dibatte a partire dalle regole per disciplinare i casi in cui non si è d'accordo.

Tutti d’accordo invece Claudio Sabattini, Giorgio Caprioli e Tonino Regazzi sull'”attacco che il governo ha sferrato a diritti fondamentali dei lavoratori”. E alla richiesta lanciata dalla Fiom di sciopero generale
contro le deleghe del governo in materia di lavoro e previdenza,
Caprioli e Regazzi hanno detto che se necessario, come arma per non far approvare le deleghe ci si arriverà.
“Ci sono sfide – ha detto Caprioli – molto grandi soprattutto nel rapporto con il governo che sta portando attacchi a capisaldi tra i diritti dei lavoratori. Il governo ha
gettato giù la maschera e sferrato attacchi pesanti. Finché si tratta di compattare il sindacato contro questo attacco l’unità regge. Ma questo non basta”. Caprioli ha difeso la decisione di firmare il contratto ricordando che sono diverse le posizioni tra i sindacati sul che cosa deve coprire il contratto nazionale. Ma Caprioli ha detto anche che “l’unità di azione è fondamentale soprattutto in vista del nuovo contratto di
lavoro. Ma l’unità – ha concluso – non può essere necessità per qualcuno e per qualcun altro una cosa di cui si può fare a meno”.
Sullo sciopero generale invece ha detto: “Se è necessario per non fare approvare le deleghe ci si arriva”. Il segretario generale della Uilm, Tonino Regazzi, ha affermato che se è vero che nella trattativa dello scorso contratto c’è stata una grande difficoltà, non è possibile
pensare di insistere sugli errori già fatti. “I due livelli di contrattazione – ha detto – sono irrinunciabili. Il problema è quali compiti si affidano al contratto nazionale e al contratto nazionale di lavoro”.
Regazzi infine sull’ipotesi di sciopero generale ha detto che prima bisogna discutere con il governo e “solo se non ci sono altre possibilità fare lo sciopero generale. Per ora – ha concluso – è prematuro”. Sull’unità tra i sindacati il segretario generale della Fiom, Claudio Sabattini, ha detto che l’unità fondamentale “è il bene più prezioso ma solo se il fondamento dell’unità è la democrazia tra i lavoratori”.

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454