Indietro
menu
Sanzioni per 210.000 euro

Pallinari, a Rimini in estate allontanate 100 'batterie' dalla Polizia Locale

In foto: repertorio
di Maurizio Ceccarini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 2 set 2021 16:18 ~ ultimo agg. 16:27
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Nell’estate 2021 una priorità per l’azione della Polizia Locale di Rimini è stato il contrasto al fenomeno dei pallinari. Contrasto compiuto dalle donne e dagli uomini della squadra Giudiziaria in abiti civili – spesso coadiuvati dalle unità cinofili – che hanno operato in diversi turni nelle ore diurne e notturne, allontanando oltre 100 batterie di “pallinari” posizionate nei luoghi della passeggiata, lungo i viali delle regine.
 Nei controlli organizzati venerdì, lunedì e martedì scorso sono arrivate altre 11 sanzioni.
Dal report fornito dagli uffici emerge che sul fronte del contrasto al gioco truffa delle tre palline, nei tre mesi estivi (di giugno, luglio e agosto) sono stati elevati 210mila euro di sanzioni, per un totale di 210 verbali notificati e contestati ad altrettante persone, come prevede l’art 3 del regolamento di Polizia Urbana che dispone una sanzione di 1000 euro per ciascuna violazione. Sanzioni fatte nell’ambito di un’attività estesa su tutto il territorio da nord a sud, per la quale sono stati organizzati quasi 40 servizi specifici, mirati al contrasto di questo fenomeno difficile da eliminare.  Sono state infatti 28 le sanzioni fatte nel mese di Giugno, 99 quelle elevate in luglio e 83 le multe di agosto, mentre 17 sono stati in tutti i fogli di via notificati per esercitare la possibilità – prevista dalla legge – dell’allontanamento, ovvero l’obbligo di non dimorare sul territorio comunale.
I servizi di controllo sono stati fatti dalla Polizia Locale secondo un medesimo schema d’intervento che prevede in primo luogo gli agenti – che operano in più pattuglie e in abiti civili – isolare il “palo”,  per poi sorprendere i pallinari mentre sono intenti sui tavolini da gioco, dove purtroppo non sono rari i turisti, anche stranieri, che si accalcano prima di essere truffati.
Il teatrino che emerge dai controlli del la Polizia Locale, è sempre lo stesso: su un tavolino improvvisato viene allestito il tradizionale gioco delle tre carte, con la variante più frequente che è costituita da una pallina che compare e scompare sotto tre campanelle o tre bicchieri. Accanto al “prestigiatore”, che abilmente nasconde e la pallina, entrano in azione dei complici che fingono di scommettere, mentre qualche “palo” appostato nelle vicinanze avverte dell’eventuale arrivo di uomini in divisa. Bande organizzate, che agiscono tra chi passeggia lungo i viali con un trucco vecchio come il mondo, ma che purtroppo fa ancora troppe vittime.

L’Amministrazione Comunale ricorda le difficoltà legislative nel contrasto al fenomeno: la procedura amministrativa, con la notifica dei fogli di via, non riesce a punire seriamente questo comportamento illecito. Una sentenza della Cassazione ha stabilito che il gioco delle tre campanelle, non è da considerarsi come un reato, perché definito “gioco di abilità”. Il fatto che i giudici non abbiano riconosciuto in questo tipo di attività la forma del raggiro o della truffa – ai danni di chi accetta di partecipare – pone la questione su un piano che dal punto di vista del contrasto è più difficoltoso da gestire e arginare. Una difficoltà a cui si aggiunge anche l’impossibilità del sequestro del denaro proveniente dall’illecito, in quanto se non trovato sul tavolino – di solito è intascato velocemente poco prima del fermo – non può essere posto sotto sequestro.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO