Indietro
martedì 15 giugno 2021
menu
Ginnastica Riccione

La tutor federale Anna Samadello torna in presenza per la sezione Artistica

In foto: Il Presidente della Ginnastica Riccione, Francesco Poesio, e il tutor Fgi Anna Samadello
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 25 mag 2021 14:06 ~ ultimo agg. 15:06
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La sezione Artistica della Ginnastica Riccione e il piacere di sorprendere. Potrebbe essere il titolo di un film, invece è quello che è accaduto alla società sportiva riccionese al ritorno della tutor federale Anna Samadello dopo sette mesi di assenza a causa della pandemia.

“Finalmente sono riuscita a riprendere in presenza il mio percorso con la Ginnastica Riccione – spiega Anna Samadello, tutor della Federazione Ginnastica d’Italia – e dopo sette mesi di assenza sono stata piacevolmente colpita dai miglioramenti che ho visto a Riccione. Già l’anno scorso era iniziato un percorso di crescita sia a livello organizzativo, sia per il lavoro in palestra. In questi mesi poi si sono colmati anche gli ultimi dettagli e ora posso dire che la sezione Artistica della Ginnastica Riccione può andare orgogliosa del lavoro messo in campo.

Poche società lavorano a 360° come qui. Parlo di tutto ciò che ruota al nostro mondo: dalla nutrizionista alla collaborazione con il centro di fisioterapia, dalla mental coach ad uno staff tecnico completo di tutti gli elementi necessari. Ma tutto ciò, se non viene inserito in un progetto unitario e di collaborazione continua, non ha efficacia.

Qui a Riccione – continua il tecnico federale – siamo già ad un buonissimo punto e i risultati ottenuti dalla squadra di Artistica lo stanno a dimostrare: in poco tempo è riuscita a scalare le categorie disputando quest’anno un ottimo campionato di A2 sfiorando i play-off per la massima serie. Margini di miglioramento ce ne sono sempre, ma la base gettata è davvero solida.

In questo hanno sicuramente avuto un ruolo fondamentale lo stretto rapporto con la Federazione Ginnastica d’Italia e con la Brixia Brescia. A Riccione stiamo dando tutto il supporto possibile con un lavoro continuativo che sta portando frutti. Il tecnico federale Nataliia Komarynska ha aggiunto uno sguardo internazionale, ben supportata da Lorenzo Mulitze negli aspetti tecnici e dalle coreografe Tiziana Morini e Linda Pigozzi per quanto riguarda gli aspetti artistici. È un bello staff, che mi ha lasciata molto soddisfatta per come lavora con le atlete. Sono certa che continuando così a Riccione arriveranno altre belle soddisfazioni”.

“È stato un grande piacere avere questo feedback da parte della tutor Anna Samadello – dice il presidente dell’Asd Ginnastica Riccione, Francesco Poesio. Anche se ogni giorno abbiamo segnali positivi in palestra, è sempre importante avere un riscontro esterno da un tecnico di alto livello come Anna, che negli ultimi tre anni ha allenato la campionessa del mondo Vanessa Ferrari. In questi anni abbiamo modificato il nostro modello di lavoro, allineandolo a quello della Federazione che ha portato in alto la ginnastica italiana, ma non facendo un copia-incolla, bensì strutturandolo sulla nostra realtà.

Mandato in archivio il campionato di A2 2021 con una salvezza che ci rende orgogliosi e anche con un po’ di rammarico per avere solo sfiorato i play-off, ora lavoriamo sulla tecnica e su elementi nuovi di livello per la serie A2 che ripartirà a febbraio 2022. Gli appuntamenti più vicini nel tempo invece riguardano le gare individuali Gold, categoria in cui sono inserite solamente le migliori 300 atlete italiane, che si svolgeranno a fine anno. Vi parteciperemo con 7 ginnaste, un numero eccezionale che Riccione non aveva mai toccato e che dunque è già storico.

Ma soprattutto vogliamo farci trovare pronti per la nuova A2. Se riuscissimo a trovare un prestito importante, anche a livello internazionale, potremmo puntare a salire in serie A1 e intanto, parallelamente, vorremmo creare una squadra di Serie C in modo da fare gareggiare più atlete e fare crescere le nuove leve, esattamente come fanno le migliori società di ginnastica italiane”.