Indietro
menu
Martedì in tutta Italia

La protesta de Le Befane contro la chiusura nel fine settimana

In foto: Le Befane
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 9 mag 2021 15:47 ~ ultimo agg. 10 mag 14:10
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si svolgerà anche a Le Befane di Rimini la protesta indetta dai gestori di centri commerciali, dopo la retromarcia del Governo che ha visto la cancellazione della riapertura nei weekend, inizialmente prevista per il 15 maggio 2021. Il Consiglio Nazionale della categoria ha deciso di dare un forte segnale per promuoverne la riapertura. Martedì 11 maggio, alle 11, per alcuni minuti tutte le attività abbasseranno a metà le serrande e si fermerà il lavoro. Il personale incrocerà le braccia e sarà data lettura di un comunicato condiviso in tutta Italia. A Le Befane sono impiegate oltre un migliaio di persone.

Ribadisco – sottolinea Massimo Bobbo, Direttore Le Befane Shopping Centre – che siamo rimasti spiazzati e delusi dalla retromarcia sulla possibilità di riaprire tutti i centri commerciali e assimilati nei festivi e prefestivi. Oltre al danno economico per il perdurare di questa situazione, si rischia di sovraffollare i centri storici. I centri commerciali sono luoghi sicuri perchè essendo delimitati sono più facilmente controllabili: a Le Befane spendiamo decine e decine di migliaia di Euro per sanificare ogni mattina ambienti ed arredi, mettiamo a disposizione ettolitri di gel sanificante ed abbiamo rinforzato il personale per controllare chi trasgredisce le regola base a garanzia del contenimento della pandemia“.

A Le Befane Shopping Centre – conclude Bobbo lavorano oltre 1.000 persone, necessarie a coprire i turni includendo i fine settimana: se questa situazione dovesse perdurare, purtroppo molti saranno in esubero. Ci auguriamo quindi che questa dimostrazione a livello nazionale, atta a sensibilizzare sul tema, venga presa in considerazione da chi deve decidere“.