Indietro
menu
arrivate 481 domande

Fondo per acquisto bici elettrica. A Riccione 164 beneficiari

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 8 feb 2021 14:34
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ consultabile sul sito del Comune di Riccione la graduatoria per l’assegnazione dei contributi regionali del progetto “Bike to work” per l’acquisto di biciclette o altri mezzi elettrici. L’importo per Riccione ammonta a 30.215 euro di cui il 70% come quota di co-finanziamento della Regione Emilia Romagna, pari 21.150 euro ed il restante 30% come richiesto dalla Regione con risorse del Comune di Riccione pari a 9.364,58.

Sono state 481 le domande di ammissione al contributo e sulla base dell’istruttoria le domande rispondenti ai requisiti specificati nel bando e ammesse a contributo, entro i limiti delle risorse a disposizione, risultano essere 164. La graduatoria, è stata stilata in base all’ordine cronologico di arrivo delle istanze ed è consultabile sull’Albo Pretorio on line. I cittadini in graduatoria, entro il 28 febbraio dovranno presentare la documentazione elencata sul sito del Comune attraverso un modulo on line. La liquidazione del contributo agli aventi diritto sarà effettuato direttamente sul conto corrente indicato tramite codice IBAN, in seguito al ricevimento della documentazione richiesta.

Il Comune di Riccione ha integrato il fondo dell’Emilia Romagna – ha detto l’assessore all’Ambiente, Lea Ermetiperché siamo ben consapevoli che implementare la mobilità lenta non è solo una misura legata al Covid bensì una necessità per la città, per la salute dei cittadini, per la tutela dell’ambiente e per l’aria che respiriamo. Quindi l’amministrazione ha deciso che sarà redatta una seconda graduatoria, perché qualora dovessero rendersi disponibili eventuali risorse non solo a seguito dello scorrimento della prima, più cittadini potranno usufruire del bonus“.

Notizie correlate
di Redazione   
di Andrea Polazzi   
VIDEO