Indietro
menu
Dati del terzo trimestre

Si impennano il credito alle imprese e le domande al Fondo Pmi

di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 9 dic 2020 15:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nel terzo trimestre del 2020 si conferma la ripresa del credito alle imprese. Lo sanciscono i dati della banca d’Italia elaborati dalla Camera di Commercio della Romagna. In provincia di Rimini i prestiti totali ammontano a 9.045 milioni di euro: il 60,9% alle imprese, il 34,9% alle famiglie e il 4,2% ad altri soggetti (società finanziarie, enti pubblici, istituzioni senza scopo di lucro). Rispetto al 30 settembre 2019 si registra un incremento di prestiti concessi del 5,9% quasi il doppio dell’aumento regionale che si ferma al 3,1. L’impennata più consistente è quella dei prestiti imprese, + 9,1%, trainata in particolare da quelle medio grandi (+11,9) mentre quelle piccole faticano maggiormente e si fermano al +2,1%. Le aziende del manifatturiero, con un 20% di crescita, sono quelle che segnano la variazione più consistente. Bene anche il macrosettore dei servizi (+9%) mentre fatica l’edilizia (-1,2%). Molto contenuto invece l’aumento dei prestiti alle famiglie, appena lo 0,6% in più rispetto a 12 mesi fa. Il risparmio finanziario in provincia ammonta complessivamente a 14.941 milioni di euro per quasi il 70% costituito da depositi bancari che crescono del 7,1% in un anno. In diminuzione, al contrario, gli investimenti in titoli (-4,2%) a causa soprattutto del tracollo delle obbligazioni bancarie (-27,6%). Aumenta invece l’acquisto dei titoli di stato (+2%). Impennata infine per le domande di accesso al Fondo di Garanzia per le PMI, a seguito dei provvedimenti adottati per fronteggiare la crisi dovuta alla pandemia. Tra il 17 marzo e il 1° dicembre, sono state registrate in provincia 12.111 operazioni di finanziamento (erano state 640 in tutto il 2019). Sette su dieci sono riferite a prestiti entro i 30mila euro, per un importo finanziato totale di 759 milioni. Coinvolte, grazie all’ampliamento della platea, 35 imprese ogni 100 attive (il dato più elevato dell’Emilia-Romagna.

Notizie correlate
di Redazione