Indietro
menu
23enne denunciato

Le rubano il cellulare, ma i carabinieri glielo ritrovano dopo tre mesi

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 4 set 2020 14:18 ~ ultimo agg. 14:19
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

A inizio giugno era stata in un ristorante di Rimini con amici e a fine cena si è accorta che il suo smartphone, un Huawei P9, era sparito dalla borsa. Il giorno successivo si è recata nella caserma dei carabinieri di Novafeltria per denunciare il furto. A distanza di quasi tre mesi, i militari sono riusciti a rintracciare il cellulare appartenente ad una donna di Novafeltria, finito nelle mani di un 23enne senegalese, domiciliato in provincia di Ascoli Piceno, e denunciato per ricettazione.

Le indagini sono partite dall’acquisizione dei tabulati telefonici e, attraverso il tracciamento del codice Imei dell’apparecchio, è stato possibile stabilire come il Huawei fosse ancora in uso. Gli ulteriori accertamenti hanno portato poi a scoprire che nei mesi successivi al furto all’interno del dispositivo erano state inserite due altre schede Sim riconducibili appunto al 23enne senegalese, che all’esito dei riscontri effettuati sui tabulati telefonici e dalle indagini tradizionali ha utilizzato di fatto il telefono sottratto alla derubata. Da qui la denuncia.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione