Indietro
sabato 28 novembre 2020
menu
Tennis A1

Massa Lombarda nel girone 2 con Parioli Roma, Park Genova e Messina

In foto: La squadra di A1 del CT Massa Lombarda
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
dom 28 giu 2020 19:33
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il Park Tennis Club Genova degli azzurri di Coppa Davis Gianluca Mager e Simone Bolelli (per citare solo due nomi), i vice campioni d’Italia del Tennis e Vela Messina e un club storico come il Parioli Roma. Ecco le avversarie del Circolo Tennis Massa Lombarda nel girone 2 del campionato di serie A1 maschile. La Federazione ha infatti ufficializzato la composizione dei quattro gironi in cui sono suddivise le 16 compagini partecipanti e il calendario della prima fase del massimo campionato, che prenderà il via domenica 5 luglio, anticipato di oltre tre mesi rispetto alle date previste inizialmente e con format modificato (sola andata) a causa dell’emergenza coronavirus.

Ancora una volta, dunque, deve fare i conti con un gruppo assai impegnativo la formazione romagnola, alla quinta partecipazione consecutiva in questa competizione di vertice, dopo essersi garantita nei primi due anni la permanenza in categoria direttamente senza dover passare dagli spareggi, play-out a cui ha fatto invece ricorso nel 2018 e nella passata edizione. L’avventura del team capitanato da Michele Montalbini scatterà in trasferta, domenica 5 luglio (in questo caso fissato alle ore 10 l’inizio degli incontri, 4 singoli e 2 doppi), sui campi del Tennis Club Parioli Roma, in assoluto uno dei circoli più antichi d’Italia (fondato nel 1906). Il circolo capitolino, vincitore del Trofeo Fit negli ultimi nove anni consecutivi, ha iscritto come stranieri il russo Roman Safiullin (1.19), il serbo Miljan Zekic (2.1) e il croato Ante Pavic, ad affiancare Matteo Fago (2.1), lo junior azzurro Flavio Cobolli (2.2), i fratelli Francesco e Andrea Bessire (entrambi 2.4), oltre ad altri ‘vivaio’ come Gianni Biagianti (2.5), Teo Masera (2.6), Gianmarco Gandolfi, Lorenzo Bielli, Gabriele Vulpitta e Andrea Piergentili (tutti 2.7).

Sette giorni dopo, domenica 12 luglio, l’unico impegno casalingo nel girone per il team targato Oremplast – la famiglia Pagani è da tempo partner del club di via Fornace di Sopra in un progetto sportivo legato al territorio che ha pochi eguali nel panorama nazionale – che ritrova da avversario il Park Tennis Club Genova, dopo le due sfide dell’autunno scorso, vincitore dello scudetto 2016 e che non fa mistero delle proprie ambizioni con una rosa di primissimo ordine: lo spagnolo Pablo Andujar, numero 54 della classifica mondiale, Gianluca Mager, in questa stagione capace di raggiungere la finale nel torneo ATP 500 di Rio de Janeiro balzando al numero 70 Atp, con tanto di esordio in Davis a Cagliari contro la Corea del Sud, Alessandro Giannessi (1.13), il talento emergente Lorenzo Musetti, 18enne di Carrara trionfatore agli Australian Open junior 2019, l’altro davisman azzurro Simone Bolelli, oltre a vari seconda categoria, tra cui Luigi Sorrentino (2.2), Alessandro Ceppellini e Luca Prevosto (2.3).

La squadra romagnola chiuderà il girone domenica 19 luglio con la trasferta siciliana al Circolo Tennis e Vela Messina, grande rivelazione dell’ultimo campionato sino a sfiorare il titolo, cedendo al doppio di spareggio al Selva Alta Vigevano: accanto alla punta di diamante Salvatore Caruso (n.100 Atp) figurano in organico lo spagnolo Bernabè Zapata Miralles, l’olandese Botic van de Zandschulp e l’argentino Marco Trungelliti, poi l’esperto Gianluca Naso (2.2), i giovani fratelli Fausto e Giorgio Tabacco (2.3 e 2.4), Domenico Cutuli (2.3) e Gabriele Bombara (2.4).

La formula della competizione prevede che la prima di ciascun gruppo acceda ai play-off scudetto (semifinali andata e ritorno il 26 luglio e 2 agosto, poi finale in sede e data da definire), la seconda si assicura la permanenza in categoria, mentre terze e quarte disputano i play-out per la salvezza (anche in questo caso 26 luglio e 2 agosto).

Il Circolo Tennis Massa Lombarda avrà una formazione ancora più all’insegna della linea verde rispetto al passato, quando già i giovani trovavano ampio spazio. Al gruppo tutto tricolore capace nell’autunno scorso di conquistare una salvezza da applausi si aggiungono infatti Francesco Forti, ragazzo di Cesenatico che fa base al Centro Federale di Tirrenia (spegnerà 21 candeline il 26 luglio, numero 446 del ranking Atp), e l’under 18 Luciano Darderi (2002), altro talento seguito dalla Federazione, che a inizio anno ha centrato tre successi di fila nel circuito ITF Junior Tour (nei Grade 1 di Cuenca,in Ecuador, Asunciòn in Paraguay e sulla terra brasiliana di Porto Alegre) così da entrare tra i Top 20 del ranking di categoria, proprio in questi giorni protagonista ai Campionati Italiani Assoluti a Todi.

Nel rinnovare la propria sfida ai grossi calibri del tennis nazionale il capitano Michele Montalbini potrà contare ancora sui ‘vivaio’ Julian Ocleppo (classe 1997, numero 310 del ranking Atp), Samuele Ramazzotti (2.1, classe 1999), lo junior azzurro Lorenzo Rottoli (2.3, classe 2002), Alessio De Bernardis (2.4, nato nel 2000) e i 16enni Marco Cinotti (2.5) e Jacopo Bilardo (2.6), sui quali il Circolo Tennis Massa Lombarda punta molto anche per il campionato under 16 a squadre, e su Riccardo Perin (classe 2000, 2.4), tornato in campo dopo la convalescenza post incidente stradale dello scorso campionato. Iscritti anche un paio di stranieri: il 22enne slovacco Alex Molcan, numero 292 della classifica mondiale, e lo spagnolo Pablo Vivero Gonzalez, 24enne di Madrid attualmente numero 362 del ranking Atp.
Completano l’elenco degli atleti inseriti in rosa (16 in totale) il 2.5 Ronny Capra, Pier Paolo Campoli (2.7), Luca De Giovanni (3.2), Francesco Fabbri (3.3, classe 2003) e Nicola Gualanduzzi, che fungerà anche da vice capitano.

“L’obiettivo per noi rimane quello degli anni passati, vale a dire mantenere un posto nella massima serie – spiega il presidente Fulvio Campomori – Il girone è di quelli che si definiscono di ferro, anche se tutti sono impegnativi per una piccola realtà di provincia come la nostra chiamata a misurarsi con delle corazzate in un campionato di vertice come questo. Abbiamo un gruppo di ragazzi davvero giovane, probabilmente come età media la più bassa dell’intero campionato, che ha ampi margini di miglioramento. Siamo pienamente consapevoli che sarà durissima raggiungere la salvezza, ma confidiamo sull’affiatamento e la compattezza fra di loro per mettere a segno un’altra impresa”.

Notizie correlate
di Icaro Sport