Indietro
menu
I ragazzi che leggono

Mare di Libri a giugno ci sarà, in format digitale

In foto: Mare di Libri
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 7 mag 2020 09:08 ~ ultimo agg. 09:14
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il 12, 13 e 14 di giugno Mare di Libri prenderà una nuova forma, in una edizione digitale alla quale si sta già lavorando. Lo annunciano gli organizzatori che spiegano: “Sarà qualcosa di nuovo, al quale speriamo vorrete prendere parte, in attesa di tornare a colorare Rimini di blu e di arancione l’anno prossimo. Da tredici anni, Mare di Libri è il festival di letteratura per ragazzi, realizzato dai ragazzi. Da tredici anni aspettiamo la fine delle scuole per permettere a tutti i giovani lettori di raggiungere Rimini non semplicemente come meta di turismo, ma come luogo che fa convergere e incontrare chi scrive e chi legge, dando modo a questi ultimi di essere riconosciuti, messi in evidenza, di fare notizia: i ragazzi leggono, e sono orgogliosi di farlo.

Quest’anno, a pochi mesi dalla tredicesima edizione del festival, abbiamo scoperto che incontrarsi, riunirsi, riempire le sale, non sarà possibile. Abbiamo atteso fino all’ultimo momento utile, ma ora possiamo dire che, purtroppo, Mare di Libri così come lo conosciamo non potrà essere realizzato nel 2020.

L’idea di assentarci del tutto per un anno, però, non ci piace. Il lavoro del nostro staff di volontari per il programma della nuova edizione procedeva a pieno regime, le conferme c’erano, ed era un lavoro che non avevamo intenzione di gettare via. Inoltre, gli ultimi mesi ci hanno insegnato che non esiste un solo modo di incontrarsi, né un solo modo di dar vita ad eventi culturali. Il nostro principale obiettivo è realizzare un festival, e ci siamo resi conto che possiamo farlo, seppur non nelle modalità che ci sono sempre state familiari. È certamente una sfida, ma i primi ad accettarla con entusiasmo contagioso sono stati proprio i nostri volontari… e allora, come non seguirli?

maredilibri.it