Indietro
menu
Un impegno importante

Emergeza Covid. L'impegno degli scout Agesci: nel riminese 261

In foto: scout al lavoro
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 9 mag 2020 12:34 ~ ultimo agg. 12:36
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sempre più scout AGESCI emiliano-romagnoli attivi in servizi alla popolazione legati all’emergenza coronavirus: a oggi sono 1.421, il 10% in più rispetto alla settimana scorsa, quando se ne registravano 1.288. La stragrande maggioranza sono sempre under 40 (82%) e il 55% ha meno di 25 anni. Il maggior numero di scout attivi in Regione si registra proprio in provincia di Rimini, ben 261. 

Ecco la suddivisione territoriale a livello regionale: Bologna (222), Ferrara (119), Forlì-Cesena (143), Modena (165), Parma (131), Piacenza (131), Ravenna (102), Reggio Emilia (147), Rimini (261).

Circa la metà dei volontari sono impegnati in servizi di confezionamento pacchi viveri e consegna a domicilio di spesa alimentare, prodotti di prima necessità e farmaci. Il 20% confeziona e distribuisce nei propri comuni le mascherine donate dalla Regione Emilia-Romagna e altri DPI forniti da AGESCI Emilia-Romagna agli scout in servizio. Una cinquantina i volontari che svolgono servizio di contatto telefonico per persone fragili.

Novità di questa settimana il servizio alla stazione dei treni di Bologna, per dare supporto alle autorità competenti nella gestione dei flussi dei passeggeri.

Altra novità, la nascita di una speciale pattuglia formata da capi scout medici, infermieri, avvocati, esperti di Protezione Civile e di metodo AGESCI, per “tradurre” i provvedimenti normativi in merito al coronavirus in eventuali attività possibili per gli scout. La pattuglia è denominata simbolicamente Mafeking 2020, nome evocativo per gli scout perché ricorda la resistenza di sette mesi organizzata dall’allora colonnello britannico Robert Baden Powell, poi fondatore degli scout, all’assedio boero della cittadina di Mafeking tra il 1899 e il 1900. Primo compito sarà produrre uno speciale vademecum contenente le indicazioni operative per svolgere, se sarà possibile, attività, uscite, route e campi durante l’estate. Il vademecum sarà in continuo aggiornamento rispetto alla normativa vigente, così da potere rispondere in tempo reale alle domande dei capi scout su quali attività sia possibile o meno svolgere con i propri ragazzi e con quali modalità.

 

Notizie correlate
Un paese giovane

Ritorno dal Senegal

di Andrea Turchini