Indietro
menu
il video

Trasgressore seriale ma "consapevole". Parla l'ingegnere plurisanzionato

In foto: L'ingegnere firma il verbale (Newsrimini.it)
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 13 apr 2020 19:00 ~ ultimo agg. 27 apr 17:27
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nella domenica di Pasqua un nostro videomaker che seguiva le forze dell’ordine per documentare i controlli in Riviera nell’emergenza coronavirus, si è trovato in spiaggia, all’altezza di piazzale Azzarita, mentre i carabinieri elevavano l’ennesima sanzione, la nona in dodici giorni, all’ingegnere 62enne alla ribalta delle cronache, ormai non più solo locali, per la sua insofferenza alle restrizioni.

Come ha provato a rispondere alla doverosa domanda “ma se tutti facessero come lei?” che ogni volta gli è stata rivolta dalle forze dell’ordine, il professionista ha accettato di provare a spiegare anche a noi le motivazioni che lo hanno portato a infrangere a ripetizione i provvedimenti.

Non vuole passare per un provocatore: i suoi colloqui con agenti e militari non sono mai turbolenti o sopra le righe. Né per un fomentatore di dissenso, tanto da dirsi preoccupato che qualcuno possa seguire il suo esempio. E’ un trasgressore consapevole, se così si può definire la paradossale posizione dell’ingegnere. E’ la fatica a restare a casa – spiega – che lo spinge fuori. A costo di collezionare verbali coi quali dovrà comunque decidere di fare i conti.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi