Indietro
menu
più chiarezza sulle disposizioni

Gnassi su chiusura mercati, bar e ristoranti: "necessario stringere i denti"

In foto: il sindaco Gnassi
di Lucia Renati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 10 mar 2020 17:28 ~ ultimo agg. 11 mar 09:52
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco di Rimini Andrea Gnassi commenta la decisione resa nota pochi minuti fa dal presidente Bonaccini (vedi notizia) sulla sospensione dei mercati ambulanti settimanali e delle attività di bar e ristoranti: “Siamo consapevoli delle difficoltà degli operatori, ma mai come ora è necessario stringere i denti e fare qualsiasi sacrificio per evitare il diffondersi del coronavirus”.

“Condivido la comunicazione appena resa pubblica dal presidente Bonaccini in ordine all’evolversi della situazione relativa all’emergenza Covid-19. Il presidente della Regione Emilia Romagna ha infatti annunciato che sta predisponendo un’ordinanza, a valere già dalla mattina di domani, che dispone la sospensione dei mercati settimanali, con l’esclusione dei banchi alimentari, laddove assicurino la distanza minima tra le persone. Abbiamo già provveduto ad informare le associazioni degli ambulanti che da domani questo provvedimento verrà attuato a Rimini. Nelle prossime ore, una volta che la Regione emanerà gli atti ufficiali, Rimini armonizzerà anche gli altri provvedimenti annunciati da Stefano Bonaccini: sospensione dalle ore 18 alle ore 6 non solo dell’attività di bar e ristoranti, ma anche pizzerie al taglio, piadinerie, kebab, gelaterie, ecc. Queste attività, insieme a bar e ristoranti, saranno sospese anche nei week end. Sarà sempre possibile la consegna a domicilio di bevande e alimenti, ma non l’asporto.

Si tratta di restrizioni coerenti con quelle già in vigore e che fanno maggior chiarezza per operatori, cittadini e comuni.

Siamo consapevoli delle difficoltà degli operatori, ma mai come ora è necessario stringere i denti e fare qualsiasi sacrificio per evitare il diffondersi del coronavirus. Ripeto ancora una volta che l’unica e la sola cosa che conta, è la salute dei cittadini, è il rallentamento del contagio per non paralizzare i nostri ospedali e le nostre strutture sanitarie. Siamo in una dimensione completamente inedita e diversa dalla consuetudine e a questa ci dobbiamo sintonizzare senza se e senza ma, rispettando regole e nuovi codici di comportamento. A partire dal più importante: stare a casa, limitarsi alle sole attività indispensabili. Voglio sottolineare proprio in queste ore tra le più difficili come stia raccogliendo la sensibilità di tanti commercianti e imprenditori della nostra città che scelgono volontariamente la chiusura dell’attività fino al 3 aprile nel nome di ‘la salute prima di tutto’. E superare il contagio nel tempo più rapido possibile vuol dire anche fare ripartire l’economia”.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
di Andrea Polazzi   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna