mercoledì 26 febbraio 2020
menu
Basket B Femminile

La RenAuto Happy Basket perde di un punto il derby con la Libertas Forlì

In foto: Noemi Duca
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
dom 19 gen 2020 12:36
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Print Friendly, PDF & Email

HAPPY BASKET-Libertas Forlì 56-57 (12-14; 14-12; 17-17; 13-14), giocata sabato 18/1.

HAPPY BASKET: Novelli 9, Re 4, La Forgia, Vespignani 10, Duca E. 6, Pignieri 7, Duca N. 15, Palmisano, Renzi, Farinello, Borsetti, Lazzarini 5. All. Rossi.

Libertas: Guidi 3, Tasevska 11, Atanasovska 3, Pieraccini 8, Valensin 18, Ronchi 2, Ragazzini, Balestra 8, Bollini 4, Pinza, Pirazzini. All. Montuschi.

Arbitri: Ragazzi e Gava.

CRONACA E COMMENTO
La Ren-Auto di coach Pier Filippo Rossi torna in campo dopo quasi un mese sul campo amico della Carim per il derby con la Libertas: all’andata era servito un supplementare a Forlì per imporsi, a riprova dell’equilibrio in campo tra due squadre simili, perché entrambe fortemente improntate sui rispettivi settori giovanili. Coach Rossi sceglie un quintetto composto da Vespignani, Palmisano, Pignieri, Renzi e Noemi Duca. La posta in palio è alta: oltre alla grande rivalità, i due punti fanno particolarmente gola perché, in prospettiva di classifica, si tratta di uno scontro diretto. Il primo punto lo segna Forlì dalla lunetta, ma Eleonora Duca, appena entrata per la gemella Noemi, trova il canestro da sotto, ben servita dopo il taglio. L’equilibrio ipotizzabile al via trova piena conferma sul campo: un po’ per le buone difesa, un po’ per l’iniziale tensione le due squadre sbagliano tantissimo, soprattutto dalla lunetta, e nessuna prende il largo. A 2′ dalla prima pausa è avanti Forlì sul 6-9. Sul finale di frazione le ospiti trovano l’allungo grazie ai tanti, troppi, rimbalzi offensivi concessi dalla Ren-Auto. A tenere le rosanero in scia arriva la provvidenziale tripla da 8 metri di Novelli sulla sirena, per il 12-14. Al rientro in campo Noemi Duca cattura un rimbalzo in attacco e pareggia ed è sempre la lunga “on fire” a firmare vantaggio e +4, 18-14, in meno di un minuto. La reazione della Libertas non si fa attendere: controparziale e nuovo vantaggio ospite, 20-21. La Ren-Auto, allora, alza l’intensità difensiva: coach Rossi mette le sua a zona e butta nella mischia Re. Entrambe le mosse pagano, perché la numero 5 dà un grande contributo sui due lati e con Vespignani costruisce il nuovo parzialino per il 26-21. Con un canestro da tre ed una “quasi tripla” Forlì pareggia nuovamente, per il 26-26 con cui si va al riposo lungo.

Con un bel movimento di forza Pignieri segna il primo canestro del secondo tempo, 28-26. Noemi Duca e Vespignani, rispettivamente con un giro dal post ed una penetrazione in velocità, danno all’Happy il massimo vantaggio, 34-28. In questa fase la Ren-Auto difende con grande intensità, forza un paio di infrazioni di 24″, ma non riesce a trovare un allungo più incisivo perché Forlì si tiene in partita con un paio di triple chirurgiche. Ed è sempre con un tiro pesante che Forlì trova il nuovo vantaggio, proprio quando la partita sembrava saldamente in mano all’Happy, 39-41 a 1′ dall’ultima pausa. Noemi Duca ed Asia Lazzarini riportano avanti la Ren-Auto, ma la Libertas impatta ed anche il terzo quarto si chiude in pareggio, 43-43. Il primo canestro dell’ultima frazione lo segna Forlì ed è l’ennesima tripla, subito pareggiata da Asia Lazzarini, che segna da dietro l’arco il 46-46. La stanchezza delle squadre è ben rappresentata da una serie di palle perse non forzate dalle difese, che tengono il risultato in bilico. È la Libertas, tuttavia, ad avere quel pizzico in più di lucidità per segnare un paio di canestri che mettono, con 5′ da giocare, 4 punti tra le squadre, 46-50, tantissimi in una partita del genere.
La Ren-Auto non riesce più a trovare la via del canestro – solo tre punti in 8′ – e questo permette a Forlì di incrementare il margine, 46-53. Il finale è incredibile. A un minuto e mezzo dalla sirena la Libertas è avanti di 9, 46-55, e la partita sembra finita. Pignieri con una tripla di tabellone segna un canestro che sembra utile solo a ridurre il divario e che invece scatena la rumba: prima due ottime difese e 4/4 ai liberi della coppia Novelli/Vespignani; poi la veloce transizione che permette a Pignieri di impattare con 10″ sul tabellone. Forlì affida la palla nelle mani della sua miglior giocatrice, la n.8 Valensin che si butta dentro una contro quattro; gli arbitri vedono un contatto falloso e mandano in lunetta la play ospite con meno di 1″ da giocare e quindi, di fatto, con i liberi per chiudere il match senza possibilità di replica da parte della Ren-Auto; Valensin sbaglia il primo, ma segna il secondo e regala la vittoria alla Libertas. Finisce 56-57.

«Non si può vincere se non si fa mai canestro – commenta coach Rossi -: nell’ultimo minuto e mezzo l’abbiamo rimessa in piedi d’orgoglio, ma non è bastato. E’ la terza partita che perdiamo per dei liberi sull’ultimo possesso, ma non commento la decisione degli arbitri. E comunque non si possono sbagliare così tanti liberi e tiri aperti: ci alleniamo per costruire buoni tiri, lo facciamo, ma poi li sbagliamo… Probabilmente dobbiamo prendere atto che a questo livello dobbiamo competere solo per la salvezza».

La Ren-Auto tornerà in campo a Senigallia sabato 25 gennaio, alle ore 19.10, per il match con il Basket 2000 Senigallia.

Notizie correlate
di Roberto Bonfantini   
VIDEO
di Roberto Bonfantini   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna