mercoledì 26 febbraio 2020
menu
Calcio a 5 A2 Femminile

Grande Virtus Romagna, Dorica Torrete battuta 5-3

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
lun 27 gen 2020 01:30
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Print Friendly, PDF & Email

DORICA TORRETTE-VIRTUS ROMAGNA 3-5

IL TABELLINO
DORICA: Donati, Severini, Capalbo, Ruffino, Anselmi, Pezzolla, Eusepi, Bussaglia, Giuva, Nogales, Rubal, Marcelli. All.: Massa.

VIRTUS: Sabetti, Mancarella, Mencaccini, Dulbecco, D’Ippolito, Berti, Falcioni, Marzo, Faccani. All.: Imbriani.

ARBITRI: Serfilippi di Pesaro, Bufano di Pesaro. CRONO: Malvestiti di Fermo.

RETI: 9’ pt Dulbecco, 15’ pt Nogales, 4’ st Bussaglia, 5’ st Dulbecco, 5’ st Mancarella, 13’ st Dulbecco, 16’ st Falcioni, 19’ st Anselmi.

CRONACA E COMMENTO
La Virtus torna a vincere e lo fa in grande stile superando, grazie ad un secondo tempo magistrale, per 5-3 in trasferta una formazione insidiosa e forte come la Dorica Torrette. Le ragazze di Imbriani giocano un buon primo tempo ma faticano a trovare il vantaggio sulle avversarie, nonostante il quinto fallo che pesa sulle spalle delle padrone di casa per più di 5 minuti. Ma nella ripresa la musica è diversa: le virtussine passano in svantaggio inizialmente ma reagiscono immediatamente con energia e qualità, vanno in rete per quattro volte e colpiscono una serie infinita di pali.

La coach Alessandra Imbriani aveva detto in sede di presentazione del match che da questa partita si aspettava di ritrovare la propria squadra e un po’ di serenità, dopo la sconfitta di domenica scorsa in Coppa contro il Francavilla e i pesanti infortuni capitati a Ilaria Venturelli e Nicole Fusconi. Così è stato: la Virtus non solo trova 3 punti importanti, ma torna anche seconda in classifica vista la sconfitta del Francavilla nel big match contro il Città di Capena.

Il primo tempo è maggiormente equilibrato e le occasioni da gol non mancano, ma alla Virtus sembra mancare quel qualcosa che ti permetta di passare in vantaggio. Insistendo, però, con tenacia e carattere, arriva la rete dell’1-0 e porta la firma di Fulvia Dulbecco. Le ospiti continuano ad attaccare ma non riescono a trovare il raddoppio: sono dunque le marchigiane ad approfittarne impattando il match con Nogales in contropiede.

I primi minuti della ripresa sono vibranti. Dopo pochi minuti dal rientro dagli spogliatoi la Dorica passa in vantaggio con Bussaglia, ma la reazione della Virtus è veemente e il 2-2 arriva immediatamente ancora una volta con Dulbecco, in giornata di grazia. Le romagnole non si vogliono fermare e nemmeno 60 secondi dopo il pari, completano la rimonta: questa volta con Mancarella che trafigge Marcelli dopo un bel triangolo con Berti.

Le ragazze di Imbriani sono in palla e giocano con fluidità: oltre alle reti, arrivano una caterva di occasioni e addirittura quattro legni colpiti, tre da capitano Mencaccini e uno da Falcioni. Quest’ultima, però, si rifà al 16’ con la rete del momentaneo 5-2. Nel mezzo c’è da segnalare un altro gol da parte di Dulbecco, che registra così la sua prima tripletta in carriera in Serie A2. Negli ultimi minuti le marchigiane provano a riaprire il match utilizzando il portiere di movimento, una scelta che produce effetti alterni. In chiusura di incontro, la Dorica trova il pertugio giusto con una veloce circolazione di palla e Anselmi segna il definitivo gol del 3 a 5.

Al termine del match, nell’euforia generale, spicca fra le migliori in campo Fulvia Dulbecco che con la sua tripletta si porta a casa il pallone del match. Una grande prestazione la sua, arrivata al termine di una settimana complicata: «Sono stati giorni particolari, gli infortuni delle nostre compagne ci hanno destabilizzato ma allo stesso tempo ci hanno anche ricompattato. Il nostro obiettivo è quello di arrivare il più in alto possibile e dobbiamo accettare che questi sfortunati eventi fanno parte del gioco. Certo, arrivare ad un match così importante decimate non è stato semplice, ma abbiamo vinto di squadra con tutte le ragazze che hanno contribuito in maniera importante. È stata una delle partite più belle giocate in questa stagione».

Fulvia è comprensibilmente anche molto felice per la sua tripletta, frutto di un grande lavoro fatto negli ultimi mesi: «Sono otto mesi che lavoro per recuperare dall’infortunio al tallone per arrivare al livello delle mie compagne, oggi è arrivato il mio momento e spero di non fermarmi. Sono ovviamente molto felice per la squadra ma la prima tripletta in questa categoria è qualcosa di speciale e ora me la godo. È un qualcosa che non è arrivato così a caso, ma è il risultato di un importante lavoro che è stato fatto. Alla fine, si lavora per cercare di vivere momenti come questo: il sacrificio prima o poi pago e io ringrazio le mie compagne per avermi aiutato a crescere».

E per una giornata così speciale c’è ovviamente anche una dedica speciale: «Questa tripletta non posso far altro che dedicarla a Nicole e Ilaria – Fusconi e Venturelli, le due infortunate – perché so cosa si prova a stare fuori. Ma noi le aspettiamo presto più “cazzute” di prima».

Michelangelo Bachetti
Addetto stampa Femminile Virtus Romagna

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna