domenica 24 marzo 2019
In foto: Giovanni Casolla
di Roberto Bonfantini   
lettura: 2 minuti
sab 2 mar 2019 10:33 ~ ultimo agg. 3 mar 08:04
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Stoppata a quattro, con il pari interno con il Medicina Fossatone, la striscia nera, il Cattolica si rimette in viaggio destinazione Cotignola, tana del fanalino di coda, capace però domenica scorsa di battere a domicilio la corazzata Virtus Castelfranco. Una gara delicata, con i ragazzi di mister Freschi che in classifica hanno dieci punti in più degli avversari (rispettivamente 27 e 17), ma che non possono permettersi ulteriori passi falsi.

“A livello di opportunità contro il Medicina ne abbiamo avute più noi, anche quando siamo rimasti in inferiorità numerica – parte dalla gara di domenica scorsa Giovanni Casolla, uno dei “veterani” del gruppo giallorosso, autore dell’assist per il gol del pareggio di Ceramicoli -. Essendo rimasti in dieci per l’espulsione di Sartori alla fine è andato bene anche un pareggio, l’importante era non perdere. C’è rammarico però perché abbiamo bisogno di una vittoria per cambiare il trend di fine anno, in primo luogo perché i tre punti mancano da tanto tempo e poi perché una vittoria servirebbe per il morale. Nello spogliatoio in questo momento c’è un po’ di sconforto”.

La vittoria dell’ultima in classifica contro la seconda della classe non stupisce più di tanto l’esterno del Cattolica.
“Abbiamo giocato contro tutti e ho notato che in questo campionato tutti se la giocano con tutti. Noi stessi due domeniche fa in casa dell’Alfonsine avremmo meritato di vincere e invece abbiamo perso. Quello di domani è più di uno scontro diretto: ci giochiamo buona parte della stagione, quindi bisogna fare risultato, anche se loro vengono da un risultato importante perché il Castelfranco è di gran lunga la squadra più attrezzata del torneo, anche se l’Alfonsine vince sempre e sarà dura anche per la Virtus. Dopo Cotignola avremo due-tre partite contro squadre di alta classifica, quindi bisogna fare punti senza meno domani”.

Il Cattolica finora si è comportato meglio con le “grandi” che quando ha affrontato le squadre di medio-bassa classifica.
“Durante la stagione abbiamo praticamente sempre fallito gli appuntamenti contro le dirette concorrenti per la salvezza e giocato meglio con le grandi, ma non è secondo me un problema mentale, bensì di gioco. Per le nostre qualità quando affrontiamo una squadra chiusa abbiamo più difficoltà, mentre quando ce la vediamo con avversari che giocano a viso aperto vengono fuori prestazioni migliori da parte nostra”.

Casolla non è soddisfatto della sua annata.
“Non sto facendo una stagione esaltante, se vogliamo usare un eufemismo. Ci sono rimaste poche partite per poter invertire la rotta, io in primis, ma molti giocatori della nostra rosa stanno rendendo meno rispetto alle loro qualità individuali. Non è facile quando alla prima occasione prendi gol e crei tanto senza riuscire a concretizzare. Ci vuole una vittoria per sbloccarci, altrimenti si fa dura di qui alla fine”.

Tutti a disposizione in casa Cattolica a parte Sartori, squalificato dopo il doppio giallo rimediato con il Medicina.
“Matteo al di là della squalifica non sta benissimo: si porta dietro un problema fisico che speriamo risolva con questa pausa forzata. Ci auguriamo tutti riprenda a giocare al cento per cento perché per noi non è importante, di più. Per domani dovrebbe recuperare Dosio, che domenica si era fermato nel riscaldamento e che comunque in settimana si è allenato col gruppo”.

LA 26a GIORNATA DEL CAMPIONATO DI ECCELLENZA GIRONE B E LA CLASSIFICA

Notizie correlate
di Roberto Bonfantini
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna