mercoledì 23 gennaio 2019
In foto: l'arrivo in Questura (Adriapress)
di Redazione   
lettura: 1 minuto
sab 8 apr 2017 23:59 ~ ultimo agg. 9 apr 14:58
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

È rientrata in Italia dalla Russia, con un volo atterrato a Bologna, la madre della ragazza russa trovata morta in un trolley il 25 marzo nelle acque del porto canale di Rimini. La donna, 48 anni, è indagata per dispersione di cadavere e morte conseguente a maltrattamenti.
Arrivata alle 18.30 all’aeroporto Marconi di Bologna, è stata prelevata dalla squadra mobile della questura di Rimini e portata in Procura a Rimini per essere interrogata dal pm che coordina le indagini, Davide Ercolani.
La donna, che ha già assunto un avvocato di fiducia, deve chiarire molti lati oscuri della vicenda, che ha portato la figlia ventisettenne a morire per anoressia. Soprattutto deve spiegare il motivo dell’abbandono della ragazza, per almeno due mesi lasciata chiusa in una camera senza reazioni, e del suo cadavere nascosto in una valigia poi gettata nel porto canale di Rimini.

(Ansa)

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna