lunedì 21 gennaio 2019
di Redazione   
lettura: 2 minuti 1.426 visite
ven 23 set 2016 17:03 ~ ultimo agg. 24 set 14:37
Print Friendly, PDF & Email
2 min 1.426
Print Friendly, PDF & Email

Michelle Hunziker è stata assolta dal Tribunale di Rimini oggi dall’accusa di diffamazione, e con lei anche l’inviato di Striscia Max Laudadio.  Furono denunciati dal talent scout riccionese Rodolfo Mirri, dopo una trasmissione del tg satirico del 17 marzo 2010 con un servizio mirato a far emergere i metodi di reclutamento delle ragazze girato nello studio riccionese di Mirri con finte clienti. Laudadio, insieme a delle collaboratrici anch’esse assolte, doveva rispondere di violazione di domicilio, sostituzione di persona, interferenze illecita nella vita privata e discredito e ostacolo all’attività professionale. La Hunziker, nel rientro in studio dopo il servizio, aveva parlato di un suo precedente col talent scout con espressioni e accuse di ricatti sessuali che da quest’ultimo erano state ritenute diffamatorie. Il pm aveva chiesto un anno e 4 mesi di reclusione per Laudadio e 6 mesi per la Hunziker, da un anno a 9 mesi di reclusione per i complici. Fra 90 giorni si conosceranno le motivazioni della sentenza del giudice di primo grado.l'udienza del 22 luglio (Adriapress)

“Sono felice perché questa sentenza assolve me e condanna la violenza. Sono felice perchè le giovani donne avranno più coraggio a denunciare!”, commenta la Hunziker su Twitter. Il suo legale Giulia Bongiorno (promotrice insieme alla Hunziker della onlus “Doppia difesa” contro la violenza di genere) scrive: “Come in una favola capovolta era finita imputata perché aveva denunciato pubblicamente fatti gravi. Donne denunciate!”

la sentenza (dal Twitter di Michelle Hunziker)

la sentenza (dal Twitter di Michelle Hunziker)

Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna