Indietro
menu
Ambiente Rimini Fiera

Differenziata: nel 2013 recuperato quasi l'80 percento degli imballaggi

In foto: Imballaggi di plastica pronti per essere riciclati
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 22 ott 2014 14:52 ~ ultimo agg. 3 nov 11:01
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nel 2013 in Italia è stato recuperato il 77.5% dei rifiuti da imballaggio prodotti: 8.753.000 tonnellate su 11.297.000 immesse al consumo. I materiali col più alto tasso di recupero – spiegano i dati forniti da Conai – sono la carta e il cartone, (93.2% ), segue la plastica (75.5%) e l’acciaio (73.6%). Altissima la percentuale di recupero degli olii esausti: il 98% degli immessi in mercato, il 90% dei quali viene rigenerato.

Ma molto c’è ancora da fare per la raccolta differenziata dei rifiuti domestici, perchè la realtà è molto diversificata a livello territoriale. Se tutto il Nord Italia si pone al di sopra del 40% di differenziata, il Centro-Sud è attorno al 30 mentre le Isole non raggiungono il 15%. La media nazionale è quindi del 31,7% di rifiuti differenziati.

Nel corso del 2013 ogni abitante ha raccolto 609,5 chili di rifiuti urbani.
Le migliori performances di raccolta differenziata si registrano a Pordenone, Novara e Carbonia. Mentre esempi in negativo arrivano da tre capoluoghi siciliani: Messina, Siracusa ed Enna.

Tra i grandi comuni, scrive l’Istat, Verona è l’unico che ha raggiunto il 50% di raccolta differenziata.

Il settore sarà in vetrina a Ecomondo dal 5 all’8 novembre.