sabato 20 luglio 2019
menu
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mer 6 giu 2012 16:53 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Il giovane aveva portato via alla ragazza il cellulare, l’aveva chiusa in casa, impedendole di vivere una vita normale. Aveva anche aggredito il suo nuovo ragazzo e il bidello della scuola frequentata dalla giovane. Ai domiciliari era però riuscito, facendo leva sul senso di colpa della ragazza, a farla andare a casa sua costringendola a firmare una dichiarazione, scritta da lui, che ritrattava le accuse che gli aveva rivolto. A scoprire la verità i carabinieri a cui la ragazza, sostenuta dai genitori, si era rivolta.

Altre notizie
di Redazione
di Maurizio Ceccarini
Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
di Redazione   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna