mercoledì 23 gennaio 2019
di    
lettura: 1 minuto
mer 30 mag 2012 15:54 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

La lite sembra essere nata per alcuni dubbi sollevati da un 40enne di Napoli, responsabile di zona, su una serie di assegni intestati alla sede riminese di 2.500 euro l’uno per un totale di 65mila euro emessi da banche locali. Il responsabile della sede di via Palmiri, un 45enne di Saludecio, a sua volta ha sollevati dubbi sul cambio di sede sociale dell’agenzia da Torino a Cuneo. I due già in mattinata avevano avuto un acceso diverbio sembra per gli stessi motivi. La Polizia ha ora inviato la segnalazione alla Guardia di Finanza.

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna