martedì 22 gennaio 2019
In foto: I gialloblù incappano in una giornata storta e sono sempre costretti ad inseguire. Sugli scudi il centro di casa Politi, autore di 22 punti. In casa Angels solo Palermo chiude in doppia cifra (13 punti).
di    
lettura: 2 minuti
dom 3 apr 2011 22:53 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Il tempio rimane inviolato, la Fortitudo ha la meglio sugli Angels e adesso i clementini devono aspettare solo la gara di sabato prossimo per vedere se la questione primo posto sarà chiusa prima dell’ultima giornata – si legge in una nota degli Angels -. A Bologna, in quel PalaDozza che trasuda di storia, i gialloblù vanno sotto all’inizio e non riescono mai ad avvicinarsi per provare l’aggancio. Una partita chiusa ben prima del 40’ e che Bologna ha meritato di vincere. Giornata storta, di quelle che sono capitate molto di rado negli ultimi due anni.

Qualche minuto di gioco e si capisce che sarà dura, ma la sorpresa è che la “Effe” i punti li fa soprattutto col centro Politi (9 nei primi 7’), un fattore sotto canestro e anche capace di galvanizzare i suoi portandoli sul 14-7. I santarcangiolesi rimangono attaccati, ma quando anche Venturoli trova il suo momento-sì (7 negli ultimi 2’ del quarto) il tabellone segna 22-14 al 10’. Qualche spruzzata di zona e un Palermo da sei punti in un amen riaprono la questione (24-20 all’11’), ma Lamma comincia a macinare gioco e le due squadre non riescono a trovare brillantezza. Le medie di tiro nel secondo parziale sono eloquenti: La Conad va con uno 0/10 da tre, gli Angels rispondono con 2/11 da due, il risultato è un tabellone che fatica a muoversi e una partita che rimane tutto sommato in bilico (32-28 al 20’).

Si ritorna dagli spogliatoi con un botta e risposta che fa rimanere invariato il margine (36-32 al 22’), poi però arriva il break che si rivelerà decisivo. A firmarlo è ancora Politi, che dopo la sfuriata dell’inizio fa ancora meglio. Per il centro 11 punti in 7 minuti ottenuti sugli scarichi, ai liberi e anche con un piazzato dalla media: tutto insieme fa 46-34 al 27’, allungato sul 49-35 di fine periodo con la tripla di Alibegovic. Dura, ma anche durissima quando Acquaviva e Lamma mettono il 59-39 del 35’. Si segna poco, si produce qualcosa solo in un finale che conta poco, cinque minuti utili solo a sapere quale sarà il risultato ufficiale del match. Vince la Fortitudo 70-55.

IL TABELLINO
CONAD FORTITUDO–ANGELS SANTARCANGELO 70-55

FORTITUDO: Politi 22, Nieri, Lamma 14, Venturoli 11, Alibegovic 9, Montano 6, Innocenti, Squeo, Zambrini 4, Acquaviva 4. All.: Giuliani.

ANGELS: Pesaresi 7, S. Marisi 5, Silimbani 2, Broglia 8, Rivali 4, Bedetti 9, Palermo 13, Rinaldi 2, G. Marisi 4, Meschino 1. All.: Padovano.

Arbitri: Binda di Ancona e Venturini di Pesaro.

PARZIALI: 22-14, 32-28, 49-35.

Tiri liberi: Fortitudo 12/15, Angels 12/18.

Altre notizie
Calcio D girone F

Santarcangelo-Isernia 1-2

di Icaro Sport
di Icaro Sport
Notizie correlate
di Icaro Sport
FOTO
di Icaro Sport
di Icaro Sport
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna