Indietro
menu
Riccione

Un pescatore riccionese risistemerà le reti della fontana di Piazzale Roma

In foto: In mancanza di ditte specializzate disposte a sobbarcarsi il compito, si è proposto lui stesso di risistemare la fontana. Alberto "Bertino" Cappelli, pescatore riccionese in pensione della Cooperativa Piccola Pesca Riccione, rifarà ex novo le reti che sovrastano la fontana disegnata per piazzale Roma da Tonino Guerra, il celebre santarcangiolese, sceneggiatore dei film di Federico Fellini.
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 17 nov 2010 15:10 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Una delle coppe era stata smontata già da qualche mese. E da un paio di anni almeno, l’Amministrazione comunale e la Geat cercavano in tutta Italia ditte specializzate in grado di rifare le “coppe”, ma senza suscitare grande interesse. Con la manutenzione e i piccoli interventi di ripristino, infatti, i margini di guadagno per le imprese sono abbastanza modesti, e non c’è ressa per accapparrarseli.
La proposta di metterci mano è arrivata al sindaco Massimo Pironi direttamente dallo stesso Bertino Cappelli, uno dei pochi rimasti su piazza, a Riccione, a sapere intrecciare la corda per farne reti da pesca. E così le “coppe” di corda prenderanno forma proprio nel laboratorio di Cappelli, in pratica, nella cucina di casa sua. L’intervento, tra montaggio, smontaggio, acquisto di materiale e manodopera avrà un importo di qualche migliaio di euro, e richiederà almeno una ventina di giorni. Già ieri, in una pausa della pioggia, i tecnici Geat hanno rimosso le vecchie reti, ormai lacere. Poi verranno ripristinati l’impianto idraulico e gli ugelli da cui presto usciranno nuovamente le “gocce d’acqua che bagnano i pensieri”, secondo l’immagine poetica di Tonino Guerra.
Pochi se lo ricorderanno, ma il nome completo della fontana, inaugurata nell’estate del 2000 in tutt’uno con l’arredo urbano di piazzale Roma, è infatti lungo da declamare ma intessuto di delicata poesia, ovvero: il Bosco della pioggia, gocce d’acqua che bagnano i pensieri”.

Nella foto i tecnici GEAT smontano le vecchie “coppe” in rete della fontana di Tonino Guerra in piazzale Roma

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
di Redazione