Indietro
menu
Cronaca Rimini: notizie e Cronaca di Rimini e provincia Rimini

71enne scippata in via Bertola. Si è rotta il femore. Fermati due balordi

In foto: Uno scippo in pieno giorno e in pieno centro storico. Si è consumato a Rimini giovedì scorso ad una donna di 71 anni che era appena uscita dal supermercato Conad di corso d'Augusto. La coppia di balordi è stata fermata sabato mattina: lui marocchino di 31 anni, lei 45 enne leccese. L'anziana è in ospedale col femore rotto.
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 29 nov 2010 14:22 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Stava tornando a casa poco prima delle 14, dopo aver fatto la spesa. In via Bertola, la 71 enne, è stata affiancata da una donna che, con un braccio, ha fatto cenno a qualcuno di avvicinarsi. Il segnale era per il suo complice, un marocchino di 31 anni che, in un secondo l’ha scaraventata a terra, rompendole il femore. Ha reagito graffiando il viso del suo aggressore con le chiavi che aveva in mano e mordendogli una mano. Saranno questi ‘segni’ a permettere poi l’identificazione dei due, senza fissa dimora, lei 45 anni residente a Lecce, lui a San Leo. La donna li ha descritti in ogni dettaglio, dall’abbigliamento ai tratti del viso e, anche grazie ad una testimone che ha assistito all’aggressione, gli agenti sono riusciti ad identificarli sabato mattina, nei giardinetti delle scuole Decio Raggi in via Matteotti. Come nell’episodio dell’8 novembre scorso in via Flaminia in cui furono aggrediti due passanti inermi, anche in questo caso, la violenza si è scatenata per pochi spiccioli: nella borsa scippata c’erano solo 35 euro. L’anziana si trova in ospedale con 30 giorni di prognosi.
Nella borsa della rapinatrice c’era una tessera sanitaria rubata, il 19 novembre a Gatteo dalla macchina di una bellariese, un coltello e 1 cacciavite. I due dovranno rispondere di rapina, lesioni aggravate e possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere.