lunedì 23 settembre 2019
menu
In foto: Un bambino di 3 anni è morto carbonizzato nel rogo scoppiato la notte scorsa in un campo nomadi alla periferia di Roma. A causarlo probabilmente una candela lasciata accesa.
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
ven 27 ago 2010 17:12 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Ustionati anche la madre del piccolo e il fratellino di 3 mesi.
Il campo nomadi si trova sulla direttrice Roma-Fiumicino, all’altezza di Parco dei Medici, in via Morselli.
L’incendio è divampato all’1.30 e ha distrutto quattro baracche. Gli otto abitanti hanno tentato invano di spegnere il fuoco gettando secchiate d’acqua, dopo aver dato l’allarme a carabinieri e vigili del fuoco.
Gli investigatori hanno escluso cause dolose. Tra le ipotesi più probabili è che il rogo sia stato appiccato da una candela lasciata accesa o da una sigaretta spenta male.

Altre notizie
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna