martedì 22 gennaio 2019
In foto: Infrastrutture e trasporti al centro dell'incontro mattutino della terza giornata del meeting. Ospiti, il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Altero Matteoli, e l'amministratore delegato di Trenitalia Mauro Moretti.
di    
lettura: 2 minuti
mar 24 ago 2010 15:53 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

C’è stato un ‘botta e risposta’ pacato tra il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Altero Matteoli e l’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato Mauro Moretti nel dibattito su trasporti e infrastrutture al Meeting di Rimini. Sul fronte degli incentivi, per riequilibrare la concorrenza guardando a interessi generali come l’ambiente ed i costi, il numero uno del gruppo Fs, ha chiesto di incentivare il treno ad alta velocità Roma-Milano rispetto all’aereo (perchè inquina e consuma mentre il treno costa meno), richiesta sorretta da motivazioni deboli, a detta del Ministro. Moretti ha detto anche che i concorrenti che sfidano Fs entrando nel mercato delle Ferrovie sono avvantaggiati. ‘In nessun Paese al Mondo c’è la possibilità di avere certificati di sicurezze e licenze come in Italia’.
‘Che l’Italia apra alla concorrenza nel settore delle Ferrovie é inevitabile, piaccia o non piaccia’. Così il Ministro ha replicato a Moretti che ha anche chiesto che la politica affronti il problema dell’internazionalizzazione dei costi come stanno facendo tutti gli altri Paesi. ‘In Francia e Germania lo Stato paga due volte quello che viene pagato in Italia, ed il biglietto viene pagato almeno il doppio se non tre volte’. Moretti ha poi ricordato che il gruppo Fs non ha in programma alcun aumento del prezzo dei biglietti. Prezzi che, secondo l’ad, sono i più bassi in Europa e con il miglior rapporto qualità-prezzo al mondo.
Sulle modifiche al codice della strada il ministro ha detto che sono un deterrente importante per arginare le morti in strada, aumentate nei primi mesi del 2010. Sulle questioni ‘calde’ degli ultimi giorni infine Matteoli ha detto che il governo sta trattando per far rientrare lo sciopero dei dipendenti di Tirrenia e ha preannunciato la convocazione dei sindacati per i primi di settembre.
Infine alla kermesse di Cl, quest’anno non ci saranno né il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, ospite per tre volte, dal 2000, né il segretario del Pd Pier Luigi Bersani, presenza fissa dal 1998.

(nella foto BOve la stretta di mano tra il ministro Matteoli e l’ad di Trenitalia Moretti)

Altre notizie
di Roberto Bonfantini
Dal Molari regalo da serie A

Il compleanno speciale di Marco

di Redazione
FOTO
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna