giovedì 22 agosto 2019
menu
In foto: La Direzione investigativa antimafia di Messina sta eseguendo un provvedimento di sequestro di beni per un valore complessivo di oltre 50 milioni di euro.
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mer 24 giu 2009 09:37 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Si tratta di un duro colpo inferto nella città dello Stretto ai patrimoni illeciti mafiosi accumulati con il settore del
movimento terra e della produzione di calcestruzzo.
Il provvedimento è stato richiesto dai pm della Dda di Messina e punta sui fratelli Nicola e Domenico Pellegrino, ritenuti elementi di vertice del gruppo criminale affiliato al clan mafioso di Giacomo Spartà, che gestisce gran parte delle
estorsioni nella zona sud del capoluogo siciliano.
Vengono sequestrate le quote sociali di 5 società, appartamenti, ville, appezzamenti di terreno, impianti di calcestruzzo, camion, betoniere e disponibilità bancarie.
Durante le indagini sono emerse gravi irregolarità nella fornitura di calcestruzzo utilizzato per la realizzazione di
edifici pubblici e privati.
L’inchiesta è stata coordinata dal procuratore distrettuale antimafia Guido Lo Forte.

Notizie correlate
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna