Indietro
menu
Verso il voto

Riccione Coraggiosa: città spaccata in due, più difficile affrontare crisi

In foto: Riccione Coraggiosa
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 10 mag 2022 11:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Le contingenze internazionali stanno presentando il conto anche sui bilanci delle famiglie e per uscire dalla crisi serve una città coesa. A dirlo è Riccione Coraggiosa, partito che corre alle amministrative con la coalizione di centro sinistra. “Riccione invece – si legge in una nota – non può vantare questa coesione sociale, negli ultimi 8 anni la città si è spaccata in 2, difficile dialogare e riuscire a collaborare per obbiettivi ambiziosi, e questa divisione è da imputare unicamente alla attuale Amministrazione e al suo modo di gestire la cosa pubblica. Già prima del conflitto Riccione contava 250 famiglie in lista d’attesa per una casa e molti giovani che, sotto il peso dei costi esorbitanti delle abitazioni sono costretti a trasferirsi in altri Comuni limitrofi“. “Vi sono famiglie – prosegue Riccione Coraggiosa – con anziani e disabilità senza un sostegno quotidiano e domiciliare, altre in cui, a causa dei contratti precari non si riesce ad arrivare in modo dignitoso alla fine del mese. Nella stesura del programma di coalizione, con Daniela, Riccione Coraggiosa ha portato le proprie istanze, le proprie sensibilità verso le fasce deboli della società riccionese, trovando anche una condivisione importante con le altre forze politiche che la compongono. Una condivisione non scontata, che è un atto di grande responsabilità verso la città. Da questo vuoto amministrativo degli ultimi 8 anni, dalla pandemia e dall’economia di guerra, che è già in atto, se ne esce solo con una comunità coesa, capace di progettare, parola ormai sconosciuta a Riccione, una nuova città, per aprirsi al mondo, e una nuova Comunità, aperta a tutti i riccionesi. Come Riccione Coraggiosa siamo convinti che la dignità del lavoro possa essere un primo passo necessario e impellente, il Patto per il lavoro e il clima Regionale è un primo riferimento, che secondo noi, a Riccione, con Daniela a capo della nuova Amministrazione, può trovare piena applicazione e apportarvi anche ulteriori migliorie” conclude la nota.